Scontro in moto a Tuscania, vede il marito morire

Giovedì 2 Luglio 2020 di roberta pugliesi
La scena dell'incidente

Era a bordo della sua motocicletta con la moglie e viaggiava in direzione di Tuscania ma ad un tornante ha incontrato la morte. Tragedia ieri pomeriggio intorno alle 17,30 sulla strada Tuscanese, una delle più pericolose di tutta la provincia di Viterbo. A perdere la vita Maurizio Pagliaroli, un militare 47enne di origini toscane che prestava servizio nel capoluogo alla caserma dell'Aviazione dell'Esercito. Per cause che sono in corso di accertamento da parte dei carabinieri della compagnia di Tuscania, sembra che nei pressi di una curva abbia perso il controllo della sua moto, una Ducati Scrumbler che aveva acquistato da appena una decina di giorni, andando ad impattare contro un furgoncino che procedeva in senso opposto, un Fiat Doblò di una ditta. Il militare non ha avuto scampo, troppo violento l'impatto subito. Sul posto sono giunti immediatamente i sanitari del 118 a bordo di una ambulanza ma a nulla sono valsi i tentativi dei medici di rianimare il centauro che è spirato pochi minuti dopo. Ferite gravi anche per la moglie che è stata elitrasportata presso il Policlinico Gemelli di Roma in codice rosso. Al momento la prognosi è riservata. Straziante la scena che si è presentata agli automobilisti di passaggio, che hanno chiamato 118 e prestato i primi soccorsi: la donna, lontana una decina di metri dal posto dov'era stato sbalzato il marito, era cosciente, si lamentava per un forte dolore al polso e chiedeva solo di lui.
All'ospedale di Belcolle è stato trasportato il conducente del furgoncino, un operaio che si stava recando a Viterbo e che è rimasto ferito in maniera non grave.
Sul luogo della tragedia sono giunti i carabinieri del nucleo radiomobile e quelli della stazione di Tuscania, al comando del maresciallo Daniele Tramontana, che hanno effettuato i rilievi per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente. Presente anche una pattuglia della polizia municipale per la viabilità. Il traffico, infatti, è rimasto bloccato per diverso tempo, sia per consentire i soccorsi che per effettuare i rilievi. La salma del quarantasettenne è stata portata presso la camera mortuaria di Belcolle dove è stata eseguita l'ispezione cadaverica; successivamente al nullaosta del magistrato verrà restituita ai familiari per le esequie.
 

Ultimo aggiornamento: 18:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA