Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viterbo, su il sipario sul nuovo corso di laurea in Scienze motorie

Viterbo, su il sipario sul nuovo corso di laurea in Scienze motorie
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 15:25

Lunedì alle ore 10,30 presso l'Aula Magna, blocco F, del campus di Riello si alza il sipario sul nuovo corso di laurea interateneo Sport, benessere e attività motoria in ambiente naturale con l'Università degli Studi di Roma-Foro Italico. Intervengono, accanto al rettore Unitus Stefano Ubertini, l'omologo romano Attilio Parisi e il coordinatore del corso Marco Barbanera.

Tra gli ospiti Anastasia Anastasio, campionessa pluridecorata a livello internazionale di tiro con l'arco, e Roberta Bruni, pluricampionessa nazionale di salto con l'asta, attuale detentrice del record italiano (4,71 metri), nonché laureata in Scienze agrarie e forestali a Unitus.«Il corso rivela il rettore Stefano Ubertini - mira a formare professionisti delle attività motorie e sportive che abbiano conoscenze e competenze specifiche nelle seguenti principali aree tematiche: attività motoria, benessere e prevenzione; ambiente e natura; management e turismo sportivo». Il corso è a numero programmato per 180 posti. Il primo bando uscirà nei prossimi giorni, con scadenza il 25 luglio, metterà a disposizione i primi 100 posti. I relativi test di ammissione sono previsti il 1 e il 15 luglio. (Info: www.unitus.it/dipartimento/deim-ingegneria/sport e benessere).

«I laureati in scienze motorie - informa Barbanera - con specializzazione negli sport outdooor, si prepareranno non solo nel rinnovato Cus di Riello (centro sportivo universitario), ma anche sul territorio: lago di Bolsena, Faggeta dei Monti Cimini, Riserva naturale del Lago di Vico». Il primo anno prevede l'acquisizione delle conoscenze relative all'anatomia dei sistemi, alla biologia e biochimica applicata alle scienze motorie, agli elementi di fisica e biomeccanica, alla teoria, tecnica e didattica dell'attività motoria e sportiva. Nel secondo anno gli studenti saranno avviati a profili di tecnica e didattica di specifiche discipline motorie e sportive. Le attività del terzo anno sono focalizzate sulla conoscenza degli aspetti teorici ed applicativi dell'attività motoria per il benessere e la salute

© RIPRODUZIONE RISERVATA