Santa Rosa, tutti in piedi: due sole tribune, saranno in piazza del Plebiscito

Giovedì 12 Luglio 2018 di Massimo Chiaravalli
1
Santa Rosa, le tribune quest'anno saranno solo in piazza del Plebiscito. Sembra essere l’orientamento emerso ieri in Prefettura, nel corso della riunione del comitato ordine e sicurezza pubblico. Per assistere al Trasporto di Gloria dunque posti solo in piedi, o quasi: non ci saranno a sedere in tutte le altre piazze dove erano state allestite fino allo scorso anno.

La decisione definitiva sarà presa venerdì, ma tutto pare convergere verso questa soluzione: al momento sono previste solo due tribune, probabilmente posizionate entrambe davanti a palazzo dei Priori. Su questo si è ragionato nel palazzo territoriale di governo, dove erano presenti il sindaco Giovanni Arena e l'assessore Marco De Carolis. Spariscono dunque quella piccola situata di lato alla Macchina in piazza San Sisto (erano poco più di 100 posti), alla partenza, e le altre in piazza Fontana Grande (550) e piazza Verdi (600), prima della salita finale verso il monastero. Niente da fare pure per i circa 500 posti a sedere di piazza della Repubblica, perché è stata confermata la decisione di non far transitare Gloria in via Marconi.

L’eliminazione delle tribune era stato un pallino del centrodestra quando era all’opposizione di Michelini, adesso che è maggioranza sta mettendo l’idea in pratica, anche se non al 100 per cento. L’ultimo ad eliminarle era stato l’allora sindaco Giancarlo Gabbianelli nel 2006: il Trasporto cadeva di domenica, era previsto un boom di presenze e la decisione era stata quindi presa per consentire a più gente possibile di fruire del passaggio del Campanile che cammina. Motivazione analoga a quella odierna, cui si aggiungono quelle legate al più attuale problema della sicurezza.

Sempre in virtù della quale, si sta ragionando sull’opportunità di aggiungere le sedie a pagamento davanti alle tribune di piazza del Plebiscito: lo scorso anno ne erano state posizionate 400. In ogni caso, per il comune si tratta di un’operazione a costo zero, visto che come accaduto negli ultimi anni l’impresa rientrerà delle spese con la vendita dei tagliandi. Trattandosi di un appalto sotto soglia, verranno chiesti dei preventivi a diverse aziende per poi procedere con l’affidamento. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma e i turisti ignoranti

di Pietro Piovani