Nella Tuscia Viterbese ritornano le sagre dei prodotti tipici e dei piatti della tradizione

Bomarzo, Parco dei Mostri: l'Orco
di Carlo Maria Ponzi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Agosto 2021, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 19:37

Nel primo week-end di agosto (dal 6 all’8) c’è qualcosa di nuovo, anzi di antico nel palinsesto degli eventi estivi in terra di Tuscia: le sagre di prodotti tipici e di piatti della tradizione. Tre le piazze che si aggiudicano il primato di far ripartire, dopo la lunga sospensione decretata dalle misure anti Covid 19, appuntamenti che puntano a fare il pieno di turisti attirati dall’enogastronomia: Bomarzo, Castiglione in Teverina, Trevinano (piccola frazione di Acquapendente, a cerniera tra Lazio, Umbria e Toscana).

Danza, musica, opera lirica, prosa nel fine settimana della Tuscia Viterbese

Nel primo caso, il borgo che vanta il cosiddetto Parco dei mostri e il possente Castello Orsini, apparecchia la nona edizione della sagra del baccala, proposto, a partire delle ore 19, nell’area del Campo verde dei Valori, o fritto o alla griglia o come dessert grazie alla crostata con crema di baccalà.

“Degustiamo il Borgo”, arrivato alla seconda edizione, viene invece proposto da Castiglione in Teverina, sede del Museo del vivo e delle scienze agroalimentari. “A partire dalle 19.30- spiegano gli organizzatori - il percorso enogastronomico itinerante lungo il labirinto di vicoli e piazzette dell’antico e suggestivo Borgo medioevale della Tuscia, celebra la vocazione vitivinicola di questo territorio. Il Borgo, un tempo densamente abitato, rivive a lume di candela, allietato da musica in sottofondo, un’atmosfera sognante da riscoprire, degustando i vini e i prodotti tipici che offre”. Ticket €20.00 (8 degustazioni di vini, panino con porchetta, salumi e formaggi, pizza e dolci)

A Trevinano (frazione di Acquapendente, inserito nell’elenco “Borghi autentici d’Italia) si celebra la 15° sagra della Rosticciana (le spuntature delle costole di maiale cucinate sulla griglia o in padella), servita negli stand dalle ore 19. Ma il menù contempla l’antipasto con gli gnocchi fatti in casa alla lepre e al cinghiale, le penne all'arrabbiata, la carne alla brace (oltre la rosticciana, bistecca di manzo e di maiale e salsicce), patatine fritte, non surgelate e tagliate a mano e fagioli del Purgatorio. Non mancano intermezzi musicali: 6 agosto: banda del Torchio, musica popolare e canzoni maremmane; 7 agosto: gruppo folk “Organicanto”; 8 agosto; “Gli sbronzi di Riace”, cover dei maggiori cantautori italiani; con coda il 9 agosto, con “Moto Folk”, stornelli e barzellette. Info  e prenotazioni obbligatorie: 388.8246791.

Una segnalazione va riservata a Soriano nel Cimino che lunedì 9 agosto (dalle 19 alle 23), offre prelibatezze gastronomiche, musica, cultura e salute nell’ambito della prima edizione di “100 metri d’Amore per gustare insieme la Vita”, organizzata dalla associazione Donna Onlus con la ProLoco e il patrocinio del Comune. L’apertura, in piazza Marconi, con la performance di pizzaioli locali e quelli provenienti da tutta l’Italia che inizieranno ad impastare e sfornare prelibatissime pizze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA