Rifiuti, tutti a Viterbo: 500 tonnellate al giorno da Roma, Frosinone e Latina fino al 31 luglio

Rifiuti, tutti a Viterbo: 500 tonnellate al giorno da Roma, Frosinone e Latina fino al 31 luglio
di Massimo Chiaravalli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Luglio 2021, 06:35 - Ultimo aggiornamento: 15:09

Stavolta i rifiuti sono tutti per Viterbo. O quasi. Perché la nuova ordinanza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, impone l’arrivo di 500 tonnellate al giorno alla discarica in località Le Fornaci. Solo che per questo giro a Civitavecchia vanno solo le briciole: appena 40 quintali. E non sono tardate ad arrivare le reazioni politiche del centro destra, tutte però prima di comprendere l’entità dell’atto in vigore da oggi.

Rifiuti, per il bando il tempo stringe ma ora c'è il project Gesenu: «Cosa sceglie Arena?»

Martedì Zingaretti aveva annunciato la firma, senza però specificare i contorni della vicenda, che infatti era approdata in tempo reale anche nel corso della seduta di consiglio comunale a palazzo dei Priori. «Per l’ennesima volta – aveva anticipato il presidente della Regione Lazio - sono stato costretto ad emanare un’ordinanza per aiutare Roma e per fare fronte alla drammatica situazione della città sommersa dai rifiuti e tentare di risolvere provvisoriamente il problema». Poi i ringraziamenti «di cuore ai cittadini e agli amministratori di quelle città del Lazio e italiane che da mesi accettano il conferimento sul proprio territorio e sopportano questa situazione incresciosa e paradossale».

Ieri è stata resa nota l’ordinanza: qui arriveranno 500 tonnellate al giorno, alcune fino al 15 luglio, il resto fino al 31. Nello specifico, Zingaretti impone «all’amministrazione giudiziaria di E.Giovi, gestore degli impianti Tmb 1 e 2 di Malagrotta – si legge - di conferire fino al 15 luglio gli scarti derivanti dal trattamento dei rifiuti indifferenziati prodotti da Roma Capitale e conferiti da Ama, pari a 200 tonnellate al giorno». Due: al Centro Servizi ambientali, gestore dell’impianto di trattamento di Castelforte, Latina, di conferirne 100 «fino alla data del 31 luglio». Tre: a Saf, gestore dell’impianto di Tmb di Colfelice, Frosinone, di inviare fino al 31 luglio «240 tonnellate al giorno, rispettivamente 200 presso la discarica Ecologia Viterbo e 40 presso la discarica Civitavecchia Fosso Crepacuore».

Il centro destra, prima ancora però della pubblicazione dell’ordinanza, ha avuto gioco facile ad attaccare duramente la Regione. Allo stesso tempo è riuscita a innescare una polemica interna, legata al governo di palazzo Gentili. «È l’ennesima vergogna, un ulteriore atto di arroganza – dice il forzista Giulio Marini, delegato all’ambiente della Provincia - che dimostra tutta l’incapacità del governatore. Non accetteremo silenti questa folle imposizione e spiegheremo, con i dati, che i nostri impianti non sono in grado di accogliere ancora i rifiuti romani».

Un intervento su cui è entrato a gamba tesa il capogruppo di Fratelli d’Italia in consiglio provinciale, Gianluca Grancini. «Leggo con piacere la presa di posizione di Marini. Una cosa gli faccio però notare: con il Pd che governa la Regione condivide l’esperienza in Provincia. La delega all’ambiente gli è stata conferita dal presidente espressione del Pd. Il ruolo di consigliere di lotta e di governo mal gli si addice, farebbe bene a dimettersi e a porre politicamente alla sua, speriamo presto, ex maggioranza la questione che oggi pone ai viterbesi quasi cadendo dal pero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA