Ricambi rubati a Fabrica di Roma, spunta deposito tra i noccioleti

Lunedì 6 Luglio 2020
Sequestrata un vasta area artigianale alle porte di Fabrica di Roma. Tra piantagioni di noccioleti e qualche abitazione rurale, all'interno di alcuni capannoni e parcheggiati nei piazzali esterni sono stati trovati materiali, che da un controllo risultavano rubati (motocicli e pezzi di auto), insieme a rifiuti speciali (gomme di auto e autotreni) non smaltiti secondo le norme di legge.

L'operazione è ancora in corso ed è stata messa in atto dagli uomini del nucleo operativo dei carabinieri della compagnia di Civita Castellana insieme ai colleghi dei carabinieri forestali sempre di Civita. A quanto sembra da tempo tenevano sotto osservazione la zona e i gestori delle attività artigianali che erano all'interno di quelle strutture, poiché secondo loro non rispettavano le norme sullo smaltimento e presentavano anche altri lati oscuri. Il blitz ha colto di sorpresa i titolari, che non si aspettavano l'improvvisa visita.

Nel corso del controllo sono stati sequestrati anche dei documenti. L'incursione è durata diverse ore e non è passata inosservata agli abitanti della zona per il continuo andirivieni delle auto dei militari impegnanti nell'operazione. Nel corso dei controlli, a quanto sembra, sono spuntati fuori motocicli, pezzi di auto smontate e altro materiale, che in queste ore vengono passati sotto la lente d'ingrandimento degli investigatori. Anche perché c'è da stabilire l'esatta provenienza di tutto il materiale presente all'interno dei capannoni e all'esterno.

Nel piazzale sono state rinvenute molte gomme di auto e di altri mezzi abbandonate, che prevedono un iter molto rigido per lo smaltimento e che invece non sembra sia stato rispettato.
  Ultimo aggiornamento: 21:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA