Provincia, boom di nomine tra veleni e imbarazzi: «Frutto dell'alleanza Pd-Forza Italia»

Il palazzo della Provincia
3 Minuti di Lettura

«Il principio è che ci sia il dirigente e qualcuno che gestisca un team. Il fatto è che qui manca il team». Non si placa il malumore di Fratelli d'Italia per la decisione di individuare 26 nuove posizioni organizzative a palazzo Gentili. Il consigliere provinciale Gianluca Grancini fa un paragone con il passato, quando i dipendenti erano oltre il doppio ma queste figure non c'erano. E chiama in causa Forza Italia, soprattutto l'ex presidente Giulio Marini, oggi alleato con il presidente dem Pietro Nocchi: «Lui non le aveva, che ne pensa?».

In Provincia fioccano le promozioni: altri 27 salgono al ruolo dirigenziale

L'avviso pubblico è durato una settimana e scaduto martedì. Ora si attende di capire chi saranno i 26 fortunati.
«Non si può essere d'accordo su una cosa del genere. Quando la Provincia aveva molte più competenze - dice Grancini - non c'erano tutte queste posizioni organizzative. Non ho intenzione di fare opposizione strumentale, è che questa mossa è proprio inopportuna, specialmente in questa fase». Non solo le competenze: anche la pianta organica non è certo più quella di prima. «Quando a palazzo Gentili c'erano 400 dipendenti - continua - queste non esistevano».

Ora i dipendenti sono 172. Ecco perché i conti non tornano. «Una posizione organizzativa qui coordina un massimo di quattro dipendenti: a che serve? Non ha senso logico, ci sono dirigenti e uffici. Vuol dire che la Provincia tornerà a essere quella di prima? Non credo. E poi quanto costano? Il presidente all'ultimo consiglio ha detto che c'è poco personale e che ne servirebbe di più, allora aumentiamo le posizioni?». Il principio è infatti che ci sia un dirigente e uno che gestisca il team.

«Ma qui non c'è il team, ognuno gestisce quasi se stesso o poco più. Mi spiace per i dipendenti, che ci sono andati a finire di mezzo, perché lavorano, ma ci sono alcune posizioni giuste, altre no. Si potevano fare in maniera mirata, dove c'era un carico di lavoro particolare. Non così». Infine, i berluscones. «Vorrei capire anche Forza Italia che dice. Anche perché Giulio Marini, da presidente della Provincia quando c'erano tutte le competenze conclude Grancini - mi ha detto che lui non le aveva mai avute».
 

Giovedì 6 Maggio 2021, 12:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA