Vaccini, campagna per le prenotazioni online. A Tarquinia tamponi a tappeto per fermare i contagi

Tamponi in corso
di Federica Lupino
3 Minuti di Lettura

Continuano a salire i casi di Covid-19 a Tarquinia. Da un paio di settimane, l’incremento è stato sostanziale: a oggi nella cittadina risultano contagiati 109 cittadini. Si tratta per la maggioranza di contagi scoppiati all’interno di nuclei famigliari spesso collegati tra di loro. La Asl ha avviato una campagna di tamponi a tappeto che riguarda al momento un centinaio di persone collegate a quelle già positive al fine di circoscrivere i focolai.

Ma nessun allarme: “Se a Tarquinia il numero assoluto di contagi non era mai stato a questi livelli è altrettanto vero – spiega il sindaco Alessandro Giulivi – che rapportato a una popolazione di oltre 17mila abitanti il livello non è così preoccupante. Molti, inoltre, sono casi fortunatamente asintomatici: solo uno risulta ricoverato in ospedale. Certo, questi dati ci dimostrano che probabilmente il periodo di Pasqua e Pasquetta per alcuni è stata un’occasione per vivere al di fuori delle regole”.

Per il primo cittadino, però, non è più il momento degli appelli: “Se dopo più di un anno dovessimo ancora raccomandarci, allora vorrebbe dire che non ne usciremmo. Io ripeto che le regole da rispettare sono poche e tutti le conoscono. Dobbiamo riaprire rispettandole e – continua Giulivi – tenendo conto che la variante inglese è molto più cattiva rispetto alla velocità di diffusione. Ricordando le accortezze che sappiamo, è però necessario tornare a un po’ di normalità. Noi siamo pronti per la stagione estiva: hotel e appartamenti sono praticamente tutti esauriti; negli stabilimenti è applicato il distanziamento; abbiamo l’app per prenotare in spiaggia. Se non ripartiamo, chiudiamo tutti”.

Ieri, dopo giorni di discesa, la curva seppur di poco è tornata a salire: 44 nuovi positivi contro 42 guariti. In totale, dall’inizio della pandemia i contagiati nella Tuscia sono saliti a 14.135. DI questi, restano ancora positivi in 1.050, molto meno rispetto a inizio mese. Calano anche i ricoverati: sono 63 i pazienti presenti nei reparti Covid di Belcolle e Montefiascone. Sale a 12672 il numero delle persone negativizzate, 413 sono i decessi. 

Prosegue a ritmi sempre più sostenuti la campagna vaccinale. Toccato venerdì il record assoluto di dosi somministrate in 24 ore: 1.600 tra le quali 322 a Belcolle e 181 dai medici di base. Il contatore dei viterbesi sinora vaccinati arriva così a sfiorare quota 70mila. Ieri a metà pomeriggio erano infatti circa 69.400. Tra questi poco più di 32mila sono stati effettuati su cittadini che hanno più di 80 anni, la fascia più vulnerabile che il Governo ha stabilito debba essere la prima a venire immunizzata. Le prenotazioni, con la riapertura delle agende nei centri Astrazeneca, sono arrivate a 60.854.

Intanto, il Comune di Viterbo e la Croce rossa hanno organizzato l’assistenza ai cittadini per la prenotazione online del vaccino. Il servizio itinerante, che partirà il 21 aprile toccando Viterbo e le frazioni fino al 15 maggio, è stato presentato ieri dal sindaco Giovanni Arena, dall’assessore ai Servizi sociali Antonella Sberna e dal presidente del comitato di Viterbo della Cri, Marco Sbocchia.

Domenica 18 Aprile 2021, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 17:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA