Picchia moglie e figlie per vent'anni, condannato a un anno e sei mesi

Carabinieri
di Maria Letizia Riganelli
Violenza su moglie e figlie, condannato a un anno e sei mesi di reclusione. E’ arrivata in un lampo la sentenza per maltrattamenti in famiglia, avvenuti a Grotte Santo Stefano.  Vittime una madre e le sue due figlie, all’epoca dei fatti minorenni. Solo poche settimane fa le tre donne testimoniarono in aula, raccontando tutti i soprusi subiti per oltre venti anni.

A raccontare nel dettaglio le minacce e le lesioni è la moglie, che stanca di sopportare ha deciso di sporgere denuncia ai carabinieri di Grotte Santo Stefano. «Il mio ex marito  - raccontò in udienza -è sempre stato molto aggressivo. Dall’inizio del matrimonio. Nel 2013 mi sono decisa a chiamare le forze dell’ordine perché avevo paura per le mie figlie. Lui, che all’inizio picchiava solo me, negli ultimi tempi aveva preso a farlo davanti a loro e spesso le colpiva. Le mie figlie si intromettevano perché volevano difendermi. Una sera stavamo guardando la tv, ricordo che c’era un programma su un caso di violenza su una donna, e lui dal nulla ha iniziato a urlare che primo poi sarei morta anche io, tanto lui non aveva niente da perdere».  

L’uomo da anni vive in Germania dove si è rifatto una vita e un’altra famiglia. Per lui ieri è arrivata la condanna, ma non andrà in carcere, la pena è sospesa. Per lui solo il pagamento delle spese processuali. 
Lunedì 9 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-07-2018 20:44

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP