Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Piazza di spaccio dedicata a minorenni, a processo a giovane pusher

Carabinieri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Giugno 2022, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 21:23

Piazza di spaccio dedicata a minorenni, entra nel vivo il processo a giovane pusher. Ieri mattina, davanti al collegio del Tribunale di Viterbo, è stata illustrata l’attività che ha portato alla “chiusura” del punto di spaccio finito spesso al centro della cronaca. «Il 18 luglio del 2019 - ha spiegato un carabiniere del Norm - abbiamo organizzato un servizio di osservazione nel parchetto tra via Domenico Corvi e via Alessandro Volta, nel quartiere Pilastro. In quello spazio era stata organizzata una piazza di spaccio da alcuni nordafricani e spesso i ragazzini andavano a rifornirsi di piccole dosi.Mentre eravamo nascosti in borghese abbiamo notato l’arrivo dell’attuale imputato. Aveva una maglia che non passava inosservata e si è messo in un punto col classico atteggiamento del pusher». Quel pomeriggio mentre il pusher era in attesa, sotto gli occhi nascosi dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile, sono arrivati due giovanissimi.

«Entrambi erano noti ai nostri uffici - ha spiegato ancora il carabinieri - ma mentre uno è rimasto ai margini del parco, l’altro si è avvicinato al pusher. Hanno avuto un breve scambio e poi si sono di nuovi divisi. I ragazzi sono andati verso la stazione degli autobus del Riello mentre l’imputato si è seduto su un muretto. A quel punto siamo entrati in azione».

I carabinieri hanno prima intercettato i due minorenni che avevano appena acquistato 20 euro di hashish. Il pusher invece alla vista dei militari avrebbe ha tentato di disfarsi di tutto lo stupefacente che aveva, ma inutilmente. I carabinieri infatti hanno recuperato un panetto su cui era seduto e un altro che aveva gettato in terra. «In totale aveva circa 40 grammi di hashish e una dose di marijuana», ha continuato il militare dell’Arma. Si torna in aula il 1 febbraio 2023.

© RIPRODUZIONE RISERVATA