Il Monterosi è diventato squadra: centrocampo di qualità, Costantino super e un gruppo affiatato

Il Monterosi è diventato squadra
di Marco Gobattoni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Ottobre 2021, 06:20 - Ultimo aggiornamento: 10:58

Un percorso fatto di crescita, una crescita arrivata a piccoli passi, ma in anticipo rispetto alle previsioni. Il Monterosi cresce e vince: il 3-1 conquistato sul campo del Messina è stato un manifesto delle potenzialità e della forza che la compagine allenata dal tecnico Davide D’Antoni può riversare sul campo. 

Dopo un inizio difficile, ma prevedibile causa mercato chiuso negli ultimi giorni e ambientamento fisiologico in una categoria importante come la serie C, il Monterosi è presto diventato squadra. Una squadra che non perde da cinque giornate e che nelle ultime due, si è presa sei punti contro avversari forti e blasonati. 

«La vittoria di Messina per noi è molto importante – ha detto nel post -match il tecnico dei biancorossi D’Antoni – volevo vedere la reazione della squadra dopo il successo sull’Avellino che poteva anche avere l’effetto dell’eccessiva esaltazione; niente di tutto questo: siamo scesi in campo con rispetto dell’avversario e con le nostre armi lo abbiamo battuto meritatamente credo». 

Le armi dei viterbesi in questo momento sono tante: in primis un Rocco Costantino versione super; l’attaccante ex Modena rappresenta un crack per la categoria e averlo portato a Monterosi, illustra bene quali sono programmi e ambizioni del club del presidente Luciano Capponi. Ma non c’è solo Costantino: il centrocampo del Monterosi è di quelli importanti; geometrie e qualità dentro un pacchetto ben assortito. 

«Ho sempre detto che il nostro doveva essere un percorso di crescita graduale – ammette il mister – se lo dici dopo che hai perso può sembrare una frase buttata al vento per cercare alibi. Io però, lo ribadisco anche adesso: questa squadra è forte nei singoli e nel gruppo e se manterrà questo atteggiamento potrà giocarsela alla pari con tutti».  Ora la classifica, dopo otto giornate, dice dieci punti: guardare la graduatoria in questo momento ha poco senso, ma può servire per creare entusiasmo da riversare sul campo. 

«I risultati positivi aiutano ad allenarsi meglio e ad accrescere l’autostima: da qualche settimana vedo una squadra diversa e i risultati si vedono anche in campo». Per i biancorossi due giorni di meritato riposo: gli allenamenti riprenderanno domani in vista della gara casalinga di domenica prossima contro la Paganese. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA