Montalto e Tarquinia: okay alla prima prova al mare, tanti i turisti nel weekend

Montalto e Tarquinia: okay alla prima prova al mare, tanti i turisti nel weekend
di Marco Feliziani
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Maggio 2022, 06:15

Buona la prima alla prova costume sul litorale viterbese. Tanti i turisti che si sono riversati nelle località di mare per trascorrere un weekend all’aria aperta. Il sole e le alte temperature hanno favorito commercianti e balneari a iniziare la stagione che quest’anno sembra avere buoni propositi dopo una lunga pandemia.

A Montalto le spiagge assumono la classica geometria dell’estate: ombrelloni aperti a distanza negli stabilimenti davanti a un mare calmo dove soffia una leggera brezza estiva. Alcuni hanno anche azzardato il primo bagno malgrado l’acqua non sia ad una temperatura ideale. La voglia di vacanza e un po’ di relax dunque non manca: sul lungomare Harmine il comune ha organizzato l’allestimento di circa un chilometro di bancarelle tra articoli artigiani e di abbigliamento. Ristoranti pieni sia il sabato sera che la domenica a pranzo, poi nel pomeriggio il rientro in città perché le scuole chiuderanno a giugno e per le ferie si deve ancora aspettare.

Turisti anche al parco naturalistico e archeologico di Vulci, dove la natura incontaminata e la storia etrusco-romana sono uno degli attrattori fondamentali del territorio. «Veniamo volentieri a Montalto da 25 anni - dice una famiglia di Terni - e per noi è questo posto è bellissimo. Certo, andrebbe un po' migliorato ma aspettiamo fiduciosi». Non sono mancate anche le passeggiate a cavallo tra le campagne della Maremma. I gruppi hanno attraversato i sentieri che un tempo i briganti li percorrevano fuggendo dalle forze armate. Anche a Tarquinia la prima prova della calda stagione è andata a buon fine. Il comune ha inoltre organizzato diversi eventi culturali in cui le necropoli etrusche sono al centro delle attività del territorio. Il litorale di Viterbo, insomma, è sempre e comunque una delle mete preferite per romani, viterbesi, ternani e parte della Toscana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA