Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Maxi finanziamento di 7 milioni per Villa Lante. Due milioni anche a Palazzo Farnese e a Castello Ruspoli

Maxi finanziamento di 7 milioni per Villa Lante. Due milioni anche a Palazzo Farnese e a Castello Ruspoli
di Simone Lupino
3 Minuti di Lettura
Domenica 26 Giugno 2022, 06:46 - Ultimo aggiornamento: 06:49

Sette milioni di euro per Villa Lante a Bagnaia, due milioni per Palazzo Farnese a Caprarola, 1,9 milioni per Castello Ruspoli a Vignanello. Pioggia di finanziamenti dal Pnrr per i giardini e i parchi storici della Tuscia. I fondi sono stati assegnati lo scorso giovedì tramite decreto dal Ministero della Cultura insieme alle risorse destinate ai borghi (10 milioni ripartiti come ormai noto tra Latera, Valentano, San Lorenzo Nuovo, Bassano in Teverina, Calcata, Proceno e Grotte di Castro).

Per Villa Lante, spiega al Messaggero la responsabile della struttura Lara Anniboletti, si tratta di un “finanziamento straordinario” che attinge a un fondo speciale: quasi 100 milioni di euro per cinque siti in tutta Italia. Oltre al gioiello di Bagnaia, rientrano nell’elenco ristretto il parco della Reggia di Caserta, il Real Bosco di Capodimonte, Villa Favorita (Ercolano), Villa Pisani a Stra (Venezia).

La Direzione regionale dei Musei del Lazio guidata dal direttore Stefano Petrocchi comunicherà nei prossimi giorni i dettagli delle opere previste a Villa Lante. Si parla in linea generale di “un intervento a 360 gradi”. Un intervento di riqualificazione totale sia dell’area che delle strutture annesse: il parco per cui erano stati già avviati e conclusi alcuni lavori, il Casino di Caccia e tanti altri interventi. Artefice del progetto l’ex direttrice di Villa Lante, da poco in pensione, l’architetto Marina Cogotti. “Noi abbiamo naturalmente a cuore che Villa Lante venga riqualificata, non solo il giardino formale, ma tutte le pertinenze, questo è veramente l’obiettivo”, conclude Anniboletti.

Per la direzione regionale dei musei del Lazio un doppio successo. Oltre a Villa Lante, è stato finanziato con 2 milioni di euro anche un progetto relativo a Palazzo Farnese a Caprarola, stavolta attraverso il bando più ampio per il restauro e la valorizzazione di parchi e giardini italiani di interesse culturale.

Infine, sempre per la Tuscia, finanziato anche un progetto per Castello Ruspoli e il Parco della Marescotta (1,9 milioni) che vede come soggetto attuatore la principessa Claudia Ruspoli.

Ma non finisce qui la lista dei finanziamenti. Nei vari decreti pubblicati giovedì dal Mic ci sono anche 90mila euro per lavori a Tarquinia nella chiesa di San Francesco tra i quali il restauro degli stucchi e degli elementi decorativi della cappella Falzacappa. E ancora, a Proceno, 650mila euro per l’adeguamento sismico della chiesa della Madonna del Giglio e, infine, 1,6 milioni di euro da suddividere tra il Museo nazionale archeologico e necropoli di Tarquinia e il Museo archeologico di Cerveteri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA