Maltrattamenti su bambini di 3 e 4 anni, maestra di Tarquinia sospesa dalla scuola materna

Martedì 23 Gennaio 2018 di Renato Vigna
La Guardia di finanza del comando provinciale di Viterbo hanno eseguito, in Tarquinia una misura cautelare personale interdittiva nei confronti di una maestra di una scuola dell’infanzia della cittadina, per maltrattamenti nei confronti dei propri alunni, circostanza aggravata “dall'aver commesso il fatto nei confronti di minori ed all'interno di un istituto d'istruzione".

Le indagini, dirette dal procuratore della Repubblica del tribunale di Civitavecchia, Andrea Vardaro, e dal sostituto procuratore Alessandra D’Amore, sono state eseguite dai finanzieri della compagnia di Tarquinia, comandata dal capitano Antonio Petti, sono scattate immediatamente a seguito di alcune segnalazioni da parte di alcuni genitori, che avevano notato dei cambiamenti nei comportamenti dei bambini, sempre più paurosi, quasi terrorizzati all'idea di dover andare a scuola.

Molti gli episodi portati a conoscenza degli investigatori. Tra questi il caso di una bambina che, sempre felice di andare a scuola, ha cominciato a rifiutarsi affermando che “la maestra mi picchia, tira i pizzichi ai compagni”. La stessa si mostrava addirittura terrorizzata anche nel colorare i disegni al di fuori dei bordi perché, raccontava, “se cadono i colori la maestra mi picchia”. Inoltre la bambina era diventata violenta e aveva continui incubi notturni.

Altro caso quello di un bimbo, anch’egli inizialmente calmo e tranquillo, che dopo alcuni mesi dall’inizio della scuola ha cominciato a essere violento e aggressivo con schiaffi e parolacce. Anche il bimbo ha riferito ai genitori che la maestra lo picchiava. In sostanza, i genitori riferivano di uno stato di crescente ansia di cui erano vittime i bambini dopo un paio di mesi dall’inizio della scuola.

 A questo si era aggiunta la denuncia del dirigente scolastico cui si erano rivolti altri genitori per segnalare analoghi comportamenti dei propri figli. Le intercettazioni ambientali e le videoriprese disposte dall'autorità giudiziaria hanno permesso di confermare come la maestra abbia usato violenze fisiche, e psicologiche, nei confronti dei piccoli alunni. Durante la giornata scolastica l’insegnante adottava un linguaggio intriso di minacce verbali e ingiurie, usando violenza fisica (presa per le orecchie, schiaffi, strattoni) nei confronti di bambini e bambine, addirittura anche nei confronti di un bambino diversamente abile. 

Le telecamere inoltre documentavano come durante le ore di lezione, l’insegnante maltrattava gli alunni di tre/quattro anni a lei affidati infliggendo punizioni umilianti per futili motivi, come la costrizione a rimanere da soli in aula a finire di mangiare nonostante il rifiuto; l’uso di frasi umilianti ed offensive; colpi e schiaffi alle gambe; tirate di orecchie; urla e rimproveri tali da provocare spavento e pianto.

La magistratura ha disposto la misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio dell’attività di insegnante nei confronti della maestra, ponendo fine ai maltrattamenti nei confronti dei piccoli. Ultimo aggiornamento: 11:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Romani pronti al rientro ma potrebbero ripensarci

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma