Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Liste Pd, Sposetti: «Malumori? Anche Montanelli votò la Dc turandosi il naso»

Liste Pd, Sposetti: «Malumori? Anche Montanelli votò la Dc turandosi il naso»
di Massimo Chiaravalli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 05:15

Ex tesoriere dei Ds, padre nobile del Pd, già senatore, custode della storia del Pci e chi più ne ha più ne metta. Quando Ugo Sposetti parla, in genere il suo non è mai un parere ma una sentenza. Anche quando si rifiuta di rispondere alle domande.

E ora il messaggio che vuole far arrivare a destinazione è uno solo, semplice e conciso: «Adesso bisogna solo votare Pd». Agli atti. Però Sposetti, parliamo anche delle candidature? «Nooo, nooo», con la O lunga e pronunciata come un sibilo. E perché mai? «Io non c’entro niente. Sono solo un iscritto al Pd e un elettore romano, fra l’altro neanche viterbese, quindi...».

Però la sua è sempre una voce autorevole e ascoltata. Quindi che ne pensa delle candidature alle prossime politiche? «No, non parlo. Adesso bisogna solo fare la campagna elettorale per far votare il Pd». Ma uno dei problemi è proprio questo: c’è malcontento, a quanto sostiene la direzione provinciale. «Non penso, si deve votare il Pd».

I malumori però stanno uscendo in maniera pesante e sono anche numerosi. «E vabbè, se ne dovranno fare una ragione. Bisogna votare il Pd in questo momento. Anche Montanelli votò la Dc turandosi il naso e adesso bisogna fare lo stesso. Che devi fare...». Votare il Pd, secondo Sposetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA