Le rassegne musicali del fine settimana nella Tuscia viterbese

Bolsena: Palazzo Cozza Caposavi
di Carlo Maria Ponzi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 14 Maggio 2021, 06:15 - Ultimo aggiornamento: 16:38

I concerti del fine settimana. All’Auditorium di Santa in Gradi, prosegue la rassegna promossa dall’Università della Tuscia con il pubblico in presenza (massimo 10 persone, sabato 15 maggio, ore 17). Sul palco, l'Orchestra MuSa classica dell’Università di Roma La Sapienza. direttore Francesco Vizioli; soprano, Lelia Lepore; mezzosoprano, Silvia Pasini. «Il programma – afferma il direttore artistico Franco Carlo Ricci – è molto vario, godibile e di grande interesse. Prevede infatti l'esecuzione dell'Ave Maria, per soprano, contralto e orchestra di Gaetano Donizetti; il Siegfried-Idyll di Richard Wagner; le Antiche danze ungheresi del XVII secolo, per ensemble di fiati, di Ferenc Farkas e le Antiche danze ed arie per liuto dei secoli XVI e XVII, nella libera trascrizione di Ottorino Respighi, rielaborata per MuSa da Francesco Vizioli». Info e prenotazione obbligatoria a Francesco Della Rosa per email delrosa@unitus.it o per telefono al numero 348 7931782; diretta streaming: tiny.cc/stagione_concertistica.

La rassegna “Itinerari farnesiani. Dimore in musica”, diretta da Sandro De Palma fa tappa ancora una volta a Bolsena (Palazzo dei conti Cozza Caposavi) con cinque concerti.

Nel salone del piano nobile, punteggiato dagli affreschi di Antonio Tempesta, venerdì 14 maggio, ore 11, suona il  Quartetto Adorno composto da Edoardo Zosi (violino), Liù Silvi Pelliciari (violino), Benedetta Bucci (viola) e Danilo Squitieri (violoncello) che propongono “Musicisti di corte: Haydn dal principe Esterházy”. Nel pomeriggio, alle ore 18, si terrà il concerto “Per violino solo”, con il solista Edoardo Zosi.

Il giorno seguente, alle ore 12, Simone Vallerotonda con Tiorba e Chitarra spagnuola propone brani del Barocco con  “Luci e ombre sonore: tutto è lecito al musicista che suona per il Re”; musiche di Hieronimus Kapsberger, Francesco Corbetta, Robert de Visée, Santiago de Murcia, Antonio de Santa Cruz. Nel pomeriggio, alle ore 18, il viaggio nella Roma del ‘600 con I Bassifondi Ensemble in“Roma ‘600”.

Domenica 16 maggio, alle ore 12, l’ultimo appuntamento è con alcuni gioielli musicali di Johann Sebastian Bach e figli, dal tema “Arpeggiando sul lago”, a cura del duo composto da Massimo Mercelli al flauto e Nicoletta Sanzin all’arpa. I concerti sono fruibili gratuitamente in diretta streaming oppure in differita sui canali online Facebook e Youtube dell’Associazione associazioneclementi.org.

© RIPRODUZIONE RISERVATA