Lavoratori impiegati in nero, blitz dell'ispettorato e dei carabinieri: «Quei ristoranti saranno chiusi»

Domenica 16 Giugno 2019
Il borgo di Calcata vecchia
Lavoratori irregolari nei ristoranti di Calcata e Faleria: tre locali dovranno chiudere i battenti. E' la conclusione di un blitz durato due giorni, portato a termine dalla sezione territoriale degli ispettori del lavoro di Viterbo e dei carabinieri, che hanno intensificato gli accertamenti sul contrasto al lavoro nero nel settore degli esercizi pubblici.

In particolare, gli ispettori hanno controllato una decina tra ristoranti, pizzerie e qualche bar nei due paesi a cuscinetto tra le province di Viterbo e Roma. Controlli che sono stati effettuati di giorno ma anche in orari serali e notturni, individuando più di una decina di dipendenti non in regola. Lavoratori che stavano svolgendo sia servizi di sala che attività in cucina. Un lavoro che ha richiesto molta pazienza e attenzione: da quanto è trapelato gli ispettori del lavoro, insieme ai carabinieri, hanno chiesto la sospensione per tre attività nel centro storico di Calcata. Ma non è da escludere che il numero cresca.

Il provvedimento di sospensione prevede la chiusura dell'esercizio qualora venga constatata la presenza di una percentuale di lavoratori in nero, pari o superiore al 20% di quelli presenti complessivamente. In uno dei casi riscontrati sembra che la misura fosse vicina al 100%. Il provvedimento, una volta emesso, può essere revocato all'esercente solo dopo il pagamento di una sanzione (che complessivamente ammonta a 2.000 euro) e la regolarizzazione del personale in nero.

L'iniziativa è finalizzata a garantire il rispetto delle leggi in ambito lavorativo, anche in considerazione che la normativa attuale consente di venire incontro alle esigenze delle imprese attraverso l'utilizzo di forme contrattuali flessibili.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA
Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma