Lascia la figlia di sette anni da sola a casa, mamma a processo per abbandono di minore

Giovedì 3 Dicembre 2020
Aula di Tribunale

Madre lascia la figlia di sette anni da sola a casa, a processo per abbandono di minore.
E’ iniziato ieri il procedimento a carico di una donna, trascinata alla sbarra dall’ex marito.
«A luglio di due anni fa - ha raccontato l’uomo in aula - ho ricevuto dopo mezzanotte la telefonata di mia figlia. Era disperata perché era sola in casa e la mamma non c’era. Fuori c’era un brutto temporale ed era davvero spaventata».
Il padre insieme alla nonna sono così partiti verso Soriano nel Cimino, dove si trovava la bambina. 
«Io e la mia ex moglie abbiamo due figli - ha detto ancora - e lei ne ha un altro di un precedente matrimonio, quest’ultimo è maggiorenne e io ero convinto che a casa ci fosse anche lui. Ma quando mia figlia al telefono mi ha detto che era da suo padre mi sono preoccupato tantissimo».
L’uomo arriva sotto casa dell’ex moglie 15 minuti dopo la telefonata e chiama i carabinieri. «Mi hanno detto di non entrare in casa anche per evitare ulteriori problemi con la mia ex. Così ho fatto affacciare mia figlia dal balcone. L’ho rassicurata e ho aspettato l’arrivo della madre, che si è presentata alle 2,05 della notte. Ovviamente mia figlia prima di chiamare me aveva provato a contattare la mamma che però non rispondeva al telefono». 
Il giorno successivo, dopo aver telefonato al padre del figlio maggiorenne per assicurarsi che fosse stato con lui la notte precedente, ha sporto denuncia per abbandono di minore.
Alla prossima udienza arriverà in aula la versione dell’imputata, che spiegherà al giudice i fatti di quella notte. Poi interverrà il carabiniere che ha seguito la vicenda al telefono.
Prossima udienza il 16 dicembre.

Ultimo aggiornamento: 10:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA