Lancio di sassi a Rieti, arriva il Daspo per tre anni nei confronti di due tifosi della Viterbese

Mercoledì 17 Aprile 2019
Lo stadio di Rieti

Arriva un nuovo doppio Daspo per i tifosi della Viterbese che andarono in trasferta a Rieti lo scorso 3 marzo. Nello stadio Manlio Scopigno, due di loro - P.S. del 1994 e L.C.A. del 1982 -  si erano resi responsabili del lancio di sassi all’indirizzo delle forze dell’ordine e di tifosi reatini. Per questo erano stati denunciati in libertà dagli agenti della Digos della questura di Rieti.

A carico dei due tifosi denunciati era stato avviato il procedimento per l’irrogazione della misura del divieto di accesso ai luoghi dove si svolgono manifestazioni sportive (Daspo). La misura può avere una durata da 1 a 5 anni a seconda della gravità del fatto e/o della pericolosità del soggetto, è un provvedimento emanato dal Questore territorialmente competente, con il quale viene inibito di assistere a determinate manifestazioni sportive tassativamente indicate alle persone resesi responsabili di comportamenti, anche penalmente rilevanti, che abbiano determinato turbative all’ordine pubblico.

Al termine del necessario iter amministrativo per l’irrogazione di tale divieto, ai due tifosi viterbesi, nella giornata di ieri, è stato notificato il provvedimento emesso dal Questore di Rieti Dott. Antonio Mannoni, che ha disposto per i due ultras la misura del divieto di accesso, per tre anni, nei luoghi dove si svolgono incontri di calcio di ogni ordine e grado, dalle competizioni internazionali a quelle delle serie minori italiane.

Ultimo aggiornamento: 12:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

FaceApp, i figli crescono e le mamme invecchiano

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma