CORONAVIRUS

Viterbo, al supermercato in fila col carrello in attesa di fare la spesa

Sabato 21 Marzo 2020 di Massimo Chiaravalli
In fila per uno e tutti ad almeno un metro di distanza, in attesa del proprio turno per entrare e fare i propri acquisti. E' la foto della spesa ai tempi del Covid-19. Stamattina, apertura dell'Ipercoop: la lunga teoria di carrelli comincia già dal parcheggio. Poi, una volta saliti sulla scala mobile, nella galleria del Centro commerciale Tuscia, con tutti i negozi rigorosamente chiusi, ancora in fila ad aspettare. Il perché è dettato dalle misure introdotte dal governo: domani si chiude.

Il clima è quasi surreale. I guanti li indossano più o meno tutti, qualche defaillance in più invece va registrata sulle mascherine, forse per le difficoltà a reperirle. Terminata l'attesa nel parcheggio, quando i vigilantes consentono l'ingresso nella galleria si forma ancora un'altra fila. Stavolta doppia: una per chi ha il salvatempo, una per chi non ce l'ha.

E' tutto molto ordinato, anche perché il controllo della distanza di sicurezza è rigoroso. Arrivato il proprio turno, all'interno dell'ipermercato l'altoparlante manda in loop alcuni avvisi: per ricordare a tutti non stare ammassati, per invitare a fare la spesa nel minor tempo possibile, in modo che tutti riescano a soddisfare le esigenze di acquisto, e indossare anche i guanti in plastica se si va al reparto frutta, pure se si hanno già indossati i propri.

Anche nelle corsie il personale controlla. Questo succede però un po' ovunque: girando per strada si vedono infatti gruppi di persone - fortunatamente a debita distanza - che aspettano di entrare nel supermercato. Ultimo aggiornamento: 20:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani