Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'avventuroso viaggio dei ricercatori Unitus verso l'Antartide

Laura Zucconi in volo sull'Antartide
di Carlo Maria Ponzi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Gennaio 2022, 06:25

Il viaggio avventuroso raccontato dai tre ricercatori.

«Per quanto non fossimo alla prima esperienza antartica, quest’anno la spedizione ha comportato un impegno ulteriore, dovuto al tempo richiesto per andare e rientrare dall’Antartide, che ha allungato molto la durata della missione.

La pandemia ci ha infatti costretto, una volta giunti in Nuova Zelanda, a una rigidissima quarantena di 14 giorni chiusi in una stanza d’albergo a Christchurch. Quindi abbiamo effettuato, chi all’andata e chi al ritorno, un trasferimento di circa 10 giorni di navigazione sulla nave rompighiaccio da ricerca ‘Laura Bassi’, di proprietà dell’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale.

Il viaggio in nave, pur rappresentando un’esperienza affascinante, spesso ci ha messo a dura prova nel passaggio dei “Quaranta ruggenti” e dei “Cinquanta urlanti”: espressioni coniate dagli inglesi, che passavano Capo Horn al tempo dei grandi velieri, per dare l’idea della enorme forza dei venti che soffiano oltre, rispettivamente, il quarantesimo ed i cinquantesimo parallelo».

Due curiosità su tutte.

La prima: Laura Zucconi e Giuseppe Scapigliati, nella notte di navigazione del 31 dicembre, hanno affrontato onde di quasi nove metri.

La seconda: i tre ricercatori hanno svolto la loro attività spostandosi quasi quotidianamente in elicottero per raggiungere siti talvolta anche molto lontani e difficilmente accessibili, per raccogliere lì preziosi campioni di acqua e suoli che, una volta giunti in Italia, saranno oggetto delle loro ricerche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA