L'appalto ponte per la raccolta dei rifiuti a Viterbo, la minoranza: «Il Comune ignora l'Anac»

Martedì 16 Luglio 2019
Appalto ponte sui rifiuti, tra le cinque imprese ammesse ce ne sono due già colpite da interdittiva antimafia. «Perché non è stato attivato il protocollo di vigilanza collaborativa con l'Anac?». domanda capogruppo di Forza Civica, Giacomo Barelli. Che torna alla carica su quanto deliberato dal consiglio comunale e non attuato. Proprio mentre scade la proroga per la raccolta di Viterbo ambiente.

Un'impresa tra quelle per cui tempo fa era arrivata l'interdittiva è Gesenu, nell'attuale ati che gestisce la raccolta dei rifiuti a Viterbo. Così come per la Eco.Car. «Mi riservo di fare l'accesso agli atti dice Barelli ma questa vicenda mette in luce la necessità, già valutata da due consigli comunali, del protocollo con l'Anac. Uno dei requisiti era infatti l'aver avuto una società raggiunta da iterdittiva antimafia. Come accaduto con Gesenu». Oltre all'unanimità della sala d'Ercole, anche il senatore leghista Umberto Fusco si era espresso favorevolmente, proprio sulle colonne del Messaggero.

«Questo continua Barelli - avrebbe reso tutti più tranquilli e avrebbe dato maggiore garanzia alla procedura. Perché è stato deciso di non farlo? I requisiti c'erano e l'appalto ponte non è difforme da quello definitivo. Allora perché l'amministrazione, il dirigente e il segretario generale non abbiano voluto ottemperare alla delibera di consiglio. Nessuno ha capito né spiegato il motivo: non voglio credere alla malafede, ma si dimostra incapacità».

L'appalto ponte varato dalla giunta Arena dura un anno, 9 milioni il valore. Intanto ieri è scaduta la proroga di 4 mesi concessa a Viterbo ambiente. Cosa che apre la strada a una sfilza di domande di Barelli: «Servirà una nuova? E se sì, di quanto? Non vorrei che si arrivasse a un anno di proroga e poi a uno di ponte se no si rischia di farla lunga come il ponte di Brooklyn». E ancora: «Visto che ci sono le stesse difficoltà dell'appalto complessivo, perché - aggiunge - non è stato fatto direttamente questo? Non è che stiamo regalando un anno alla ditta? E' tutto molto singolare: queste proroghe come si giustificano? Di fatto lo è anche il ponte. E poi mancano ancora le linee guida per l'appalto definitivo: non se ne parla più».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma