Golf, "hole in one" a 6 anni: per il piccolo Mattia buca da 70 metri in un colpo solo

Mercoledì 12 Settembre 2018 di Massimo Chiaravalli
Centro in un solo colpo. Da 70 metri. A 6 anni. Il piccolo Mattia Giovagnoli, di Ronciglione, è già una promessa del golf a livello mondiale: domenica scorsa ha fatto la sua prima “hole in one”, la buca in un solo colpo. Una cosa rarissima, che riesce difficilmente anche ai professionisti. Nel 2019 punta prima agli europei in Scozia, poi ai mondiali negli Usa.

Mattia compirà 7 anni il prossimo 30 settembre ma è già una celebrità: il suo profilo Instagram (@mattiajrgolfer) ha oltre 1.300 followers. Domenica al Marco Simone Golf & Country Club - dove nel 2022 si giocherà la Ryder Cup 2022, l’evento di golf più importante al mondo, che si disputa ogni due anni - ha compiuto l’impresa. Ci è riuscito nella prima gara dell’International Rome Local Tour della Us Kids Golf, la principale organizzazione mondiale di competizioni golfistiche per bambini dai 5 ai 14 anni, aggiudicandosi anche il primo posto di giornata. La “hole in one” è il sogno di ogni golfista: per uno di livello amatoriale le probabilità di riuscita sono una su 12.750, per un professionista una su 3mila.

Per quelli della sua età dal 2000 a oggi nel mondo sono stati registrati appena una ventina di casi. Italiani che ci sono riusciti in quella fascia di età? Se ne contano pochissimi e quando ci sono riusciti avevano tutti qualche anno di più. Il campioncino made in Tuscia difende i colori del Terre dei Consoli Golf Club ed è allenato da Francesco Andreoli del Golf Club Viterbo. «Mattia – dice il padre, Siro Giovagnoli - si è qualificato per tutte le maggiori competizioni internazionali della Us Kids, compresi mondiali e Australian open, ma finora abbiamo deciso che non era ancora il momento». Ci arriverà il prossimo anno. «Nel 2019 l’obiettivo è di fare l’europeo in Scozia a maggio e poi il mondiale in North Carolina».

Intanto si gode l’impresa: con lui si è congratulato anche il presidente e Ceo della Us Kids Golf, Dan Van Horn, che gli ha dato il benvenuto nel Uskg Hole in one Club. E le sue parole sono l’esatta descrizione dell’impresa: «Alcuni giocatori non riescono a farlo neanche in tutta la vita». Ultimo aggiornamento: 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti