Giunta Frontini, costi nel mirino: «Assunzioni esterne a piene mani, aggravio di spesa»

Giunta Frontini, costi nel mirino: «Assunzioni esterne a piene mani, aggravio di spesa»
di Massimo Chiaravalli
3 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 05:10 - Ultimo aggiornamento: 16:40

«A nemmeno 100 giorni dall’insediamento, l’amministrazione Frontini ci pare parecchio prolifica sul versante delle assunzioni nelle segreterie politiche». Nuova orchestra, vecchia musica. A cui l’opposizione a palazzo dei Priori aggiunge un altro paio di note: gli esterni arruolati nelle segreterie dell’assessore alla bellezza Vittorio Sgarbi e della sindaca Chiara Frontini. Alla quale chiedono di riferire in aula.

Proprio nella sala d’Ercole il capogruppo di Fratelli d’Italia, Laura Allegrini, aveva interrogato se fosse vero che la consigliera Alessandra Croci avesse firmato una convenzione con l’Università della Tuscia per far arrivare una stagista retribuita nell’assessorato di Silvio Franco. Intanto la minoranza ha fatto richiesta di accesso agli atti.
Ora ecco le nuove richieste dell’opposizione: tutta tranne Luisa Ciambella, ovvero Alvaro Ricci, Lina Delle Monache, Alessandra Troncarelli, Pietro Amodio e Francesca Sanna del Pd, Laura Allegrini, Antonella Sberna e Matteo Achilli di FdI, Claudio Ubertini e Andrea Micci della Lega, Elpidio Micci di Viterbo cresce.

Prima, «la notizia dell’arrivo di un’altra unità di personale che andrà ad aggiungersi al già nutrito, a nostro avviso, staff politico, in particolare a fianco dell’assessore all’urbanistica Emanuele Aronne. Apprendiamo - dicono - che si tratterebbe di un libero professionista facente riferimento allo studio privato dello stesso Aronne. Nell’ultimo consiglio comunale erano già state sollevate domande da parte dell’opposizione circa un’altra recente assunzione, stavolta, parrebbe, in affiancamento all’altro assessore allo sviluppo economico Silvio Franco».

E qui arrivano le novità. «Altro assessorato, altra assunzione: ci riferiamo a quello alla bellezza, per il quale sembrerebbe esserci un altro collaboratore reperito all’esterno. Così come per la segreteria della sindaca. In considerazione dell’importanza che nella pubblica amministrazione riveste il principio di contenimento delle spesa, soprattutto per una voce importante come quella del personale, chiediamo all’amministrazione Frontini di riferire in consiglio comunale».

La richiesta è ben articolata: l’opposizione vuole una risposta chiara, «tracciando, senza il solito giro di parole, un quadro puntuale e preciso della assunzioni effettuate a supporto dello staff politico, considerando anche che potrebbero esserci questioni di opportunità che meritano urgente e approfondita attenzione. Si chiede di conoscere, inoltre, le procedure adottate e perché, anziché attingere al personale interno, come hanno fatto in via prevalente le precedenti amministrazioni, quella guidata dalla sindaca Frontini stia percorrendo a piene mani la strada delle assunzioni esterne - concludono - con conseguente aggravio della spesa per il personale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA