Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frontini, oggi il varo della giunta a tempo di record: «Ecco perché sostituisco Monaco»

Frontini, oggi il varo della giunta a tempo di record: «Ecco perché sostituisco Monaco»
di Massimo Chiaravalli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 06:08 - Ultimo aggiornamento: 11:12

Sulla giunta è una sfinge, ma conferma che firmerà oggi i decreti di nomina e subito dopo presenterà la squadra di assessori. Sul mancato rinnovo del contratto al dirigente di termalismo e rifiuti Eugenio Monaco invece la sindaca Chiara Frontini motiva così la mossa: «Dovevo decidere in tre ore, ho scelto di non confermare una figura legata alla passata amministrazione».

Giunta Frontini, domani l'ufficializzazione: ecco chi sono gli assessori in arrivo

Intanto ha fatto togliere i tornelli all’ingresso di palazzo dei Priori, mentre gli uscieri avranno nuove divise. Tornando alla giunta: è pronta per essere svelata. Per FdI Antonella Sberna resta in ballo, mentre sarebbero ridotte a zero le speranze per Laura Allegrini. Restano da limare le quote rosa: dovrebbero esserci Patrizia Notaristefano e forse anche Letizia Chiatti, visto che era in corsa per il ruolo di presidente del consiglio insieme a Marco Ciorba. Quest’ultimo però rivela che «Chiara mi ha chiesto di entrare», ma non può accettare «per impegni professionali e personali». Sempre in pole Antoniozzi, Sgarbi, Aronne, Franco e Floris, le variabili potrebbero essere Nicola Cerino e un’altra donna.

Su Monaco invece Frontini dice che «ero nelle condizioni di dover decidere entro le 24 del giorno stesso se rinnovato il contratto per un anno e mezzo, come previsto per legge e non ho potuto fare altro. Era legato all’amministrazione e la decisione è stata di non confermare una figura legata a quella passata, perché se c’è da dare una ventata di novità e prendere decisioni importanti, voglio assumerle con tutte le mie responsabilità».

La chiusura del Bagnaccio non c’entra nulla? «È sulla mia scrivania da martedì, ma non c’è alcun motivo di merito. Anzi, credo che il dottor Monaco abbia avuto il coraggio di sistemare una serie di situazioni, quindi nulla da eccepire sulle sue competenze. Al contrario, gli auguro un ottimo lavoro in Regione». Le cose rimaste in sospeso, in primis l’appalto sui rifiuti? «Nelle more dell’individuazione della nuova figura - conclude la sindaca - verrà assegnato un incarico ad interim».

© RIPRODUZIONE RISERVATA