Flaminia in campo per superare lo scoglio Follonica

Flaminia in campo per superare lo scoglio Follonica
di Paolo Baldi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Aprile 2021, 06:20

Allenamenti e gesti di solidarietà alla Flaminia Civita Castellana.

La squadra è rimasta sempre in pista in queste due settimane di stop del campionato di serie D in cui sono stati giocati i recuperi. E’ stato stilato un programma di allenamenti corposi da parte del tecnico Roberto Rambaudi e i giorni di riposo sono stati ridotti a due. L’allenatore ha utilizzato il periodo per mettere a punto la condizione dei giocatori, far ripassare gli schemi e provare nuove soluzione tattiche. Un solo test messo in cantiere quello di venerdì contro il Monterosi in casa della capolista del girone G programmato per le 15.

«Tutto sta andando avanti secondo i programmi – ha commentato il tecnico piemontese – i ragazzi rispondono bene alle sollecitazioni e hanno una gran voglia di tirarsi fuori, come me, dalla una situazione difficile di classifica. Torneremo in campo la settimana prossima per la gara di campionato contro il Follonica e per quell’appuntamento dobbiamo essere al top»”.

Il gruppo è al completo. Non ci sono ne squalificati e ne infortunati pertanto Rambaudi avrà l’imbarazzo della scelta per formare la lista dei ventidue convocati.

Intanto continuano i gesti di solidarietà e amicizia vera nei confronti del tifoso speciale Mehmet Badzak, ragazzo di 15 anni, che vive su una sedia a rotelle dalla nascita e assiste ogni giorno accompagnato, dall'assistente per il Comune della cooperativa Quadrifoglio Silvia Coletta, agli allenamenti dalle squadra dall'interno del Parco I Maggio. Ieri per lui c’è stata una nuova sorpresa da parte dei portieri della società rossoblù che lo hanno voluto vicino per nel corso degli allenamenti.

« Non riusciremo mai a ringraziarvi – gli ha detto la sorella Leonora - abbastanza per le gioie che state donando a mio fratello. Dire grazie non è mai un gesto scontato, non è mai inutile; quindi ringraziamo particolarmente Andrea Nocco per averci regalato i guanti da portiere con cui ha esordito l’entrata alla serie D. Un altro ringraziamento va anche agli altri portieri: Emmanuel Opara, Alessandro Grussu e Mattia Sordini e agli allenatori che ci permettono di presenziare agli allenamenti, alla società e a Mario Figoli che ci fanno sentire parte della comunità civitonica» ” .

© RIPRODUZIONE RISERVATA