Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fine settimana nella Tuscia all'insegna di musical, commedie e balletti

Al Teatro Caffeina omaggio a Gershwin
di Carlo Maria Ponzi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Dicembre 2021, 15:55 - Ultimo aggiornamento: 22:50

Le proposte del fine settimana sul versante degli spettacoli. Sabato, alle ore 17, all’auditorium di Santa Maria in Gradi prosegue la stagione concertistica dell’Università della Tuscia con l’esibizione di due grandi pianisti, Michelangelo Carbonara e Giuliana Soscia.

«Le composizioni – spiega Franco Carlo Ricci, direttore artistico della rassegna - saranno eseguite a quattro mani. In programma opere di Igor' Stravinskij; Vittorio Rieti e Ottorino Respighi. In particolare, di Stravinskij (nel cinquantesimo anniversario della morte) verrà eseguito, nella versione per pianoforte a quattro mani, la celeberrimo ‘Sacre du printemps’ che, nel 1913, sconvolse letteralmente il mondo musicale e schiuse orizzonti sconfinati per tutti i compositori del secolo».

Sempre sabato, al Teatro Caffeina, “MelodyDisney”, il musical in cui il futuro inizia dai sogni. Tre spettacoli (ore 15,30, ore 18, ore 21) per uno show, patrocinato dal comune di Viterbo, studiato e realizzato per regalare un viaggio fatato, emozionante grazie a scenografie favolose, strabilianti effetti di luce e abiti meravigliosi. Sul palco Giancarlo Bartocci in arte Giangi e la sua Shake Animazione, con la simpatica renna Rudolf di Natale a Merenda, mentre Toto proporrà il medley delle più belle canzoni dei cartoni tragati Disney.

Domenica, al Teatro dell’Unione, ore 18, “Una notte sbagliata” di e con Marco Baliani, regia di Maria Maglietta. «In questo spettacolo – afferma Baliani - porto in scena il corpo di un essere umano già fragile, corpo che in quella notte che, poi, solo dopo chiameremo sbagliata, diventa un capro espiatorio su cui accanirsi. Entrare e uscire dalle teste e dai corpi dei protagonisti notturni della vicenda, compreso un cane, è stata la mia gimkana attorale, obbligandomi a continui cambi percettivi e linguistici, dentro una rete di rimandi sonori e visivi».

Nella stessa giornata, alleore 17,30, al Teatro Caffeina: “Omaggio a George Gershwin” (1898-1937), coreografie di Tuccio Rigano, con “Art dance theater ballet company”. «Uno dei più grandi compositori del XX Secolo – rivela il coreografo - riceve un doveroso omaggio danzato che si ispira al suo immenso repertorio, nodo fondamentale del musical di Broadway e modello di tanti altri autori successivi. Sul palco la compagnia ripercorre lo spirito brillante, romantico, sognante e poetico di partiture che non conoscono battute di arresto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA