Festa della Liberazione a Viterbo, il sindaco prende la tessera Anpi

Festa della Liberazione a Viterbo, il sindaco prende la tessera Anpi
2 Minuti di Lettura

«E' stata una cerimonia fatta bene, per la quale mi sono anche complimentato con il presidente dell'Anpi, Enrico Mezzetti». Il 76° anniversario della Liberazione dal nazifascismo è stato celebrato, per via del covid, «in maniera essenziale, come lo scorso anno, con la deposizione della corona al "Buratti" - dice il sindaco Giovanni Arena - e di altre due al sacrario dei caduti». Insieme a lui anche il presidente della Provincia Pietro Nocchi, il prefetto Giovanni Bruno, Mezzetti e qualche consigliere comunale. Però i viterbesi hanno risposto lo stesso.

«C'è stata partecipazione e ho fatto anche la tessera dell'Anpi (che aveva un banchetto in piazza, ndc): come sindaco e istituzione - continua Arena - mi è sembrato un gesto democratico e giusto. Non è stata cantata neanche "Bella ciao", tutto si è svolto senza esasperazioni, con un piacevole atteggiamento finalizzato al ricordo di tutte le vittime, senza distinzioni né discorsi di parte».

Arena ha fatto anche parlare parlare Mezzetti con il generale Riccò, dopo l'episodio di due anni fa che lo aveva visto abbandonare la cerimonia. «C'era stato un malinteso - conclude il sindaco - e non si erano più visti. Si sono salutati cordialmente».

Lunedì 26 Aprile 2021, 06:40 - Ultimo aggiornamento: 11:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA