Estorsione e usura a ristoratori del pesce, è processo immediato

Tribunale di Viterbo
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Ottobre 2021, 06:20 - Ultimo aggiornamento: 17:27

Estorsione e usura a ristoratori del pesce, è processo immediato. Inizierà il prossimo 15 dicembre il procedimento a carico di 5 imputati (4 uomini e una donna) che avrebbero preteso soldi da una coppia di imprenditori viterbesi.

Secondo quanto emerso dalle indagini del carabinieri del Nucleo investigativo, le due vittime, marito e moglie nel settore della ristorazione e del mercato ittico, dopo aver chiesto prestiti al mercato parallelo per le loro attività sono finiti nel giro di usurai spietati. Un gruppo di 4 uomini e una donna che insieme avrebbero messo quote per “aiutare” gli imprenditori ma che nel giro di pochi mesi avrebbero preteso tassi di interesse fino al 250%.

Per un prestito di 45mila euro, in sette giorni l’usurato ha dovuto restituire ben 60mila euro, oppure per un altro prestito di 90.000, nel giro di poche settimane è stata intimata la somma di 230mila euro. Gli usurai per recuperare le somme avrebbero utilizzato prima le minacce poi le maniere forti, arrivando anche a pestaggi e minacce di violenza sessuale. E di violenza fisica sulla figlia della coppia.

Tra i cinque imputati anche due fratelli viterbese che non molti anni fa finirono al centro di un’altra inchiesta. I due fratelli, uno residente a Soriano nel Cimino, furono indagati e condannati nel processo scaturito dall’operazione Drago.

© RIPRODUZIONE RISERVATA