Danni in piazza San Lorenzo, sulle autorizzazioni per la pista di ghiaccio sindaco e assessore: «Non sapevamo»

Mercoledì 22 Gennaio 2020 di Massimo Chiaravalli

Pista di pattinaggio, sulla licenza rilasciata settimane dopo che l’impianto era in funzione la giunta fa scena muta. Mentre sui danni si sbilancia solo l’assessore Laura Allegrini: per quantificare i danni in piazza San Lorenzo servirà un secondo sopralluogo. Queste le parziali risposte ieri in consiglio comunale, alle interrogazioni di Massimo Erbetti (M5S) e Letizia Chiatti (Viterbo 2020).

L’esponente del movimento che fa capo a Chiara Frontini ha chiesto una stima della spesa e i tempi per il ripristino della piazza. Ma non solo: «Gli scorsi anni – ha detto Chiatti – sembra che sia stata negata l’autorizzazione a mettere una pista di ghiaccio a piazza San Lorenzo. È vero? L’altra era di plastica».

Quella di ghiaccio era stata posizionata lo scorso anno non davanti al palazzo dei Papi ma in piazza Verdi, e a differenza di quella sotto accusa era rialzata, per cui non ha provocato alcun danno. «E’ stato fatto primo sopralluogo – ha risposto Allegrini – ma non si è rivelato sufficiente. Sarà effettuato un secondo, cui seguirà un preventivo. Alcuni danni erano già preesistenti, quindi la spesa dipenderà dal tipo di intervento che si deciderà di fare. Bisogna aspettare una decina di giorni».

Erbetti ha invece chiesto spiegazioni sulla tempistica dei permessi: la domanda di autorizzazione del gestore è stata presentata il 9 e protocollata il 10 dicembre, la licenza è stata rilasciata dal Comune solo il 13, quando la pista era in funzione già da settimane. «Se fosse accaduto qualcosa – ha chiesto il pentastellato - l’assicurazione avrebbe coperto? E ora paga? Doveva funzionare dal 13».

Secondo il sindaco Giovanni Arena quelle di Erbetti «sono osservazioni giuste che vengo a sapere adesso», anche se pubblicate domenica scorsa su queste colonne. «Faremo verifiche, non so se ci sono altri documenti interlocutori, una cosa provvisoria, non lo so». Agli atti consegnati a Erbetti però non risulta altro.

L’assessore Marco De Carolis ha gettato la palla in tribuna. «Per la licenza bisognerà sentire gli uffici quando l’hanno rilasciata e come è stata fatta, ma quello non è il mio settore». Il punto ce lo ha messo il presidente del consiglio, Stefano Evangelista: «Le facciamo rispondere dall’ufficio competente perché l’assessore non sa, non ha seguito la questione della licenza».

Ultimo aggiornamento: 12:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma