Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, nella Tuscia 16 ricoverati in più e riapre la Terapia intensiva. Decessi verso quota 600

Medici Belcolle
di Federica Lupino
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 06:30 - Ultimo aggiornamento: 18:47

Se c’è un giorno della settimana che per così dire fa da “sentinella” rispetto all’andamento del contagio quello è il martedì. Da quanto infatti la maggioranza dei test diagnostici per scoprire la positività al Covid-19 vengono effettuati in farmacie o in laboratori privati anziché nei drive-in della Asl, è allora che confluiscono tutti i dati non comunicati tempestivamente durante il weekend. E così ieri il numero rilasciato dall’azienda sanitaria a poco dalla fine dello stato di emergenza rende l’idea di come il virus non possa ancora essere archiviato. I 587 nuovi casi a fronte di 416 negativizzati hanno fatto superare nuovamente la quota dei 5mila positivi in provincia, sotto la quale si era scesi appena la scorsa settimana.

Interessante, inoltre, la valutazione dell’andamento delle curva negli ultimi martedì: il 29 marzo i nuovi contagi erano stati 577, i guariti 481, 58 i ricoverati. Il totale dei positivi era di 5.254. La settimana precedente, i numeri erano rispettivamente 672, 368 e 48, con una cifra complessiva di 5.133 casi. La fotografia di ieri, come detto, restituiva i seguenti numeri: 587, 416 e 61 posti letto occupati con un totale di 5.061 positivi.

A balzare agli occhi è soprattutto l’incremento dei ricoverati che da 45 sono aumentati di 16 unità. Inoltre, dopo circa due settimane, riapre la Terapia intensiva Covid di Belcolle con un malato. Gli altri si trovano 44 nel reparto di Malattie infettive e 16 a Medicina Covid.

Cresce anche la diffusione territoriale del contagio: sono 56 su 60 i comuni coinvolti dagli ultimi referti di positività. Numero importante quello registrato ieri nel capoluogo: 163 i casi a Viterbo, quindi 31 a Soriano nel Cimino, 27 a Civita Castellana, 25 ad Acquapendente e a Montefiascone, 20 a Vetralla, 17 a Fabrica di Roma e Ronciglione, 15 a Monterosi e a Orte, 14 a Nepi, 13 a Bagnoregio e a Tarquinia, 12 a Bolsena, 11 a Canepina e Vasanello, 10 a Sutri. Seguono comuni con contagi tra 10 e uno.

Impressionante anche il rapporto tra test effettuati e positivi: 1.167 i tamponi nelle ultime 24 ore e 587 i positivi. Sebbene una parte dei casi, come detto in apertura, sono riferibili a comunicazioni tardive del weekend, la proporzione di circa la metà è impegnativa.

Ultimo dato che relega quella di ieri tra le giornate nere per il Covid: ci sono stati altri due morti. Non ce l’hanno fatta un 87enne residente nel comune di Montalto di Castro e un 63enne di Viterbo, ricoverati all’ospedale di Belcolle. Quest’ultimo era in cura per altre patologie pregresse che ne hanno provocato il decesso. Fatto sta che la triste conta dei morti si avvicina a quota 600: a ieri, le vittime sono arrivate a 597.

© RIPRODUZIONE RISERVATA