Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid ma non solo: aveva altre malattie la 43enne di Lubriano deceduta a Belcolle

Un tampone in corso
di Federica Lupino
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Febbraio 2022, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 14:49

Morta di Covid o con Covid. Poco importa per il dolore dei familiari che piangono la 43enne deceduta ieri nel reparto di Terapia intensiva di Belcolle: il vuoto resta comunque incolmabile. La giovane donna, residente a Bagnoregio ma domiciliata a Lubriano, lottava da anni con una grave malattia autoimmune. Vaccinata, era finita in ospedale un paio di mesi fa, poi le sue condizioni si sono progressivamente aggravate ed è stata trasferita nella rianimazione dedicata ai positivi.

“Le mie più sincere condoglianze a una famiglia che in paese conosciamo bene e che da anni era provata dal dolore per le patologie della giovane. A loro il cordoglio e la vicinanza a nome mio, del Comune e di tutta la comunità”, commenta il sindaco Valentino Gasparri, che della donna era anche un parente.

Rimane che il decesso di una 43enne, segnalato tra quelli da Covid-19 seppur il suo quadro clinico fosse già prima estremamente complesso, colpisce tutta la Teverina. Ma ieri, oltre a lei ci sono stati ulteriori tre decessi legati all’infezione da Sars-Cov2: è deceduto nella sua abitazione di Viterbo anche un cittadino di 86 anni. Gli altri due morti sono invece pazienti che erano ricoverati a Belcolle: una donna di 89 anni residente a Capodimonte e un uomo di 64 anni residente a Vetralla.

Ma la fotografia del Covid nella Tuscia presenta anche delle luci, oltre alle ombre: la curva continua a calare, sommersa da quantità ingenti di guariti. Ieri sono usciti dall’isolamento 1.010 pazienti, un terzo concentrati a Viterbo (352, per la precisione). Ritorno alla libertà anche per 65 cittadini di Soriano nel Cimino. Sull’altro piatto della bilancia i nuovi casi: sono stati 342. In particolare, i numeri maggiori si riscontrano nel capoluogo (103), seguito da Vetralla con 23, Montefiascone con 18, Capranica con 17, Fabrica di Roma con 14, Orte con 13, Nepi e Sutri con 12, Civita Castellana e Ronciglione con 10. Negli altri 33 centri che hanno registrato contagi, si va dai 7 di Montalto di Castro a uno ad Acquapendente, Bomarzo, Capodimonte, Gradoli e Proceno.

Degli ultimi positivi scoperti dalla Asl, 3 hanno subito avuto bisogno di un ricovero ospedaliero. Inoltre, tra di loro anche tre ospiti della casa di riposo Villa Pini ad Arlena di Castro, dove la Asl ha scoperto un nuovo focolaio che si aggiunge a quelli segnalati nelle ultime settimane in diverse strutture per anziani sparse in tutta la provincia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA