Lotta al Covid, gli adolescenti viterbesi dicono sì al vaccino: oltre il 70% con seconda dose

Vaccini
di Federica Lupino
3 Minuti di Lettura
Sabato 29 Gennaio 2022, 07:20 - Ultimo aggiornamento: 18:16

Sarà che credono nella scienza. O, più semplicemente, che lo reputano uno strumento per riappropriarsi della libertà negata dalla pandemia. Fatto sta che sono tanti gli adolescenti del Viterbese che hanno scelto di vaccinarsi: finora, il 71,6% del totale.

I dati aggiornati a due giorni fa parlano di 9.529 ragazzi e ragazze tra i 12 e i 17 anni che hanno completato il ciclo con la seconda dose. A ricevere il booster, invece, quasi il 21%, ovvero 2.552. Scendendo con l’età, l’adesione si abbassa (ma è anche vero che i più piccoli possono vaccinarsi solo da metà dicembre): in poco più di un mese dall’avvio della campagna, sono 1.193 i bambini e le bambine tra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto la seconda dose, perché per nessuno è ancora scattata l’ora del booster.

Ma tra le varie fasce d’età, nella Tuscia quella che più convintamente ha detto sì è compresa tra i 60 e i 79 anni. Qui sono 67.306 (ben oltre il 90%) ad aver completato il ciclo con le due dosi, mentre 54.959 (il 76% della popolazione di riferimento) ha anche la terza. Un focus lo meritano poi gli over 80, i primi (se si escludono le categorie professionali quali i sanitari) a venire interessati dalla vaccinazione di massa. Al momento, i numeri della provincia vedono il 90,55% della popolazione di riferimento che si è sottoposta alla prima dose (si tratta, nello specifico, di 21.813 anziani). II ciclo completo di richiamo è poco inferiore: l’88,9%, che significa 21.408 persone coinvolte. Infine, la dose addizionale è stata iniettata già a 18.496 ultra80enni, cioè il 78,6%.

A livello generale, invece, i vaccini sinora erogati nella Asl di Viterbo dall’inizio della campagna vaccinale sono 612.150. Di questi, 233.807 sono prime dosi; significa che l’85,51% della popolazione totale sopra i 5 anni ha almeno ottenuto una prima somministrazione. Le cifre del ciclo completo (ovvero della seconda iniezione) sono leggermente inferiori: 228.410, che equivale in percentuale all’81,8% della popolazione. 

La capacità di penetrazione del vaccino nelle diverse fasce d’età si riflette anche sul tasso di ospedalizzazione. Come più volte sottolineato dalla Asl, se è vero che negli ultimi giorni i posti letto occupati dai positivi è aumentato, lo è anche che i casi più gravi – quelli in terapia intensiva – riguardano principalmente pazienti non vaccinati o anche che non hanno concluso il ciclo. 

In questa ottica, proseguono le iniziative per contrastare il virus. Il 2 febbraio, dalle 10 alle 17, nei consultori familiari di Viterbo, Tarquinia e Civita Castellana si terrà l'open day vaccinale anti-Covid 19, rivolto alle donne in gravidanza (dalla 12esima settimana in poi) e ai futuri papà. L’accesso è libero, senza necessità di prenotazione, fino ad esaurimento dei vaccini a disposizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA