Civita Castellana, tenta il suicidio, salvato da un ceramista

Sabato 13 Luglio 2019 di Ugo Baldi
1
Ponte Clementino, a Civita Castellana, ha rischiato di essere teatro dell’ennesimo suicidio. Un giovane pakistano, seduto a cavalcioni sul parapetto con tutta l’intenzione di gettarsi nel vuoto, è stato salvato dall’intervento di un operaio ceramista che stava attraversando il ponte in auto. Tutto si è verificato poco prima delle 23. Provvidenziale è stato l’intervento, con freddezza e velocità, dall’operaio.
«Ho bloccato la macchina e sono sceso – ha raccontato Marco Leogrande – mentre altri passanti e automobilisti, forse per paura, non intervenivano. Mi sono avvicinato a lui e l’ho afferrato per un braccio, con forza. Non ha opposto nessuna resistenza, quindi è riuscito a scendere dal parapetto. E subito dopomi ha abbracciato. Parlava in inglese ed è scoppiato a piangere, credo per la tensione che aveva accumulato».
Poco dopo è arrivata anche una pattuglia dei carabinieri del nucleo operativo, che era stata avvisata da altri automobilisti di passaggio. I militari hanno preso subito in consegna il giovane.
«Insieme ai carabinieri – ha detto ancora Leogrande - e ad altre persone abbiamo cercato di tranquillizzarlo. Era molto agitato e impaurito. Da quanto ho capito, sta attraversando una fase molto complicata della sua vita, questo potrebbe essere il motivo che l’ha spinto a tentare di compiere quel gesto. Ma fortuna che tutto si è risolto bene». Un ambulanza del 118 ha portato il giovane prima al pronto soccorso dell’ospedale Andosilla, poi a quello di Belcolle dove è stato ricoverato. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze con i figli: ostaggi della trap in auto e pure delle dritte degli youtuber

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma