Rischio crolli al cimitero, resta chiuso un padiglione dopo la verifica dei vigili del fuoco

Rischio crolli al cimitero, resta chiuso un padiglione dopo la verifica dei vigili del fuoco
di Ugo Baldi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Settembre 2021, 06:45 - Ultimo aggiornamento: 17:49

Allarme sicurezza al cimitero di Civita Castellana. Ieri è stato chiuso, in via precauzionale per alcune ore, dopo che una persona in visita ai propri defunti aveva segnalato la presenza di alcune parti delle tombe a rischio crollo. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per un sopralluogo ed hanno delimitato l’intera area del padiglione interessato. Quello dove si trovano appunto le tombe a rischio e che resta chiuso agli utenti.

Nel pomeriggio c’è stato un sopralluogo anche da parte del sindaco Luca Giampieri e dell’assessore ai Lavori pubblici, Carlo Angeletti, che hanno voluto verificare quanto era stato segnalato. Cominciando a cercare le soluzioni per permettere di nuovo gli ingressi in quella parte ora chiusa. «Abbiamo provveduto a ripristinare le criticità il prima possibile – ha detto Giampieri - ma va detto che le problematiche evidenziate non dipendono da questa amministrazione. Stiamo pagando le conseguenze di una mancata programmazione, e di manutenzione, registrata nel corso degli anni da parte di chi ci ha preceduto».

Ma quello di ieri è il segnale più preoccupante, tra i tanti arrivati in questi ultimi mesi sul degrado all’interno del cimitero. Più volte è state segnalato agli uffici comunali, da parte dei visitatori, che l’area presenta molte problematiche e che sarebbe necessario un maggiore decoro. A parte lo “spot” dei lavoratori socialmente utili, inviati sul posto a togliere erbacce, eseguire piccoli interventi e sistemare qualche vaso, poco o nulla è stato fatto finora. Più volte hanno sottolineato lo stato di abbandono anche le opposizioni in Comune.

Tra i problemi la caduta di intonaci nella parte monumentale, la scarsa pulizia dei luoghi, i piccoli alberi cresciuti spontaneamente a ridosso delle lapidi e che provocano il rischio crolli.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA