La Fattoria Lucciano conquista i 5 girasoli, bollino dal ministero delle Politiche agricole

La Fattoria Lucciano conquista i 5 girasoli, bollino dal ministero delle Politiche agricole
2 Minuti di Lettura
Giovedì 20 Gennaio 2022, 21:35

Nuovo attestato di eccellenza per la Fattoria Lucciano, azienda agricola nel territorio di Civita Castellana. L'azienda diretta dalla famiglia Profili ha ottenuto il massimo riconoscimento dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali, e dalla Regione Lazio, con il bollino dei 5 Girasoli.

«Questa classificazione, - ha spiegato il capo famiglia Ovidio - che si applica alle aziende agrituristiche che offrono ospitalità, ha lo scopo di dare al pubblico una idea complessiva di massima del livello di comfort, della varietà di servizi e della qualità del contesto ambientale che ciascuna azienda è in grado di offrire». Ogni azienda può essere identificata con una categoria, da 1 a 5 girasoli, rappresentata da un'apposita simbologia.L'AGRITURISMO«Questo sistema vuole rappresentare armonicamente - spiegano la moglie Paola insieme ai figli Mario e Daniele - lo spirito e la personalità dell'agriturismo italiano nelle sue varie forme, valorizza la caratterizzazione agricola del contesto di accoglienza, che rappresenta una delle attese più significative di chi sceglie l'agriturismo per le proprie vacanze».

Attualmente nell'azienda Lucciano si allevano 140 bovini di razza bruna italiana, nutriti con i prodotti aziendali. Oltre che a pascolo, seminativo e bosco, i 120 ettari complessivi sono coltivati a noccioleto, uliveto e vigneto. Attività di coltivazione a cui si è aggiunta una struttura ricettiva e un ristorante. Si producono formaggi, yogurt, carne bovina, olio, nocciole, creme di nocciole e vini. Prodotti che sono segnalati nell'inventario dei migliori alimenti d'Italia, realizzato dallo Slow Food, mentre non mancano le segnalazioni sulle verifiche del Gambero rosso.

La fattoria ha partecipato a vari progetti di ricerca, in collaborazione con l'Università della Tuscia di Viterbo, l'Istituto di nutrizione delle piante di Roma e l'Istituto sperimentale per la zootecnia di Roma

© RIPRODUZIONE RISERVATA