Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fa irruzione al Sert: «Voglio il metadone, sennò faccio un macello»

Carabinieri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Marzo 2022, 06:20 - Ultimo aggiornamento: 10:54

«Voglio il metadone, se no faccio un macello». E’ iniziato ieri mattina il processo a cinquantenne che a febbraio del 2019 entro al Sert di Civita Castellana con un seghetto e minacciò il personale sanitario. A raccontare la vicenda i carabinieri intervenuti per disarmare l’uomo e l’infermiera e la dottoressa che si sono viste brandire la lama davanti.

«Lo conosco da tempo - ha spiegato l’infermiera -, sono anni che viene al Sert. Quel giorno però era particolarmente agitato e voleva il metadone per tutta la settimana. Non era possibile darglielo in quel momento e in quello stato, così lui ha tirato fuori un seghetto e ha iniziato a brandirlo. Diceva: “Non voglio fare male a te, ma distruggo tutto“, mentre colpiva la scrivania. Per farlo calmare ho detto che dovevo parlare con la dottoressa che ancora non era arrivata. Lui ha messo l'arma nella giacca e ha aspettato. Ma quando è entrata la dottoressa ha ricominciato e ha colpito alcuni mobili e il computer. Era determinato, voleva le dosi del metadone per tutta la settimana e non per un giorno solo».

La donna visto il seghetto ha deciso di chiamare i carabinieri, prontamente arrivati sul posto. «Lo abbiamo subito disarmato - hanno spiegato i militari di Civita Castellana - teneva il seghetto, come quelli che si usano per la potatura, nella tasca della giacca, e lo abbiamo arrestato». Si torna in aula il 26 ottobre con i testimoni della difesa. Al termine inizierà la discussione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA