Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Civita Castellana, danneggiata la panchina rossa simbolo della lotta anti-violenza sulle donne

Civita Castellana, danneggiata la panchina rossa simbolo della lotta anti-violenza sulle donne
2 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Febbraio 2022, 14:57

La speranza è che siano soltanto vandali, quelli che hanno colpito tra domenica e lunedì scorsi a Civita Castellana. La panchina rossa, il simbolo contro la violenza alle donne installata da pochi giorni al Centro commerciale Marcantoni, è stata trovata danneggiata.

«Noi speriamo e vogliamo credere hanno detto dall'associazione Mafalda e le Altre, promotrice di questa iniziativa - che il danno non sia stato volontario, che non si tratti di un atto di vandalismo e che il senso civico e di rispetto sia prevalso. Come, nel tempo, sono stati finora rispettati i murales realizzati sempre sul tema della violenza contro le donne, al centro commerciale. Certo, ora bisogna al più presto rimettere a posto la panchina che, con tanta passione e solidarietà, hanno curato e disegnato le ragazze e i ragazzi del liceo artistico Midossi di Civita, perché la panchina rimanga come simbolo».

Non solo un auspicio perché, come scritto sulla stessa panchina, non resti solo un'ombra. Il gesto è stato condannato da molti in città. A farsi portavoce dell'indignazione il sindaco Luca Giampieri, che aveva presenziato all'inaugurazione.

«Un gesto assolutamente da condannare ha detto visto che quella panchina è un simbolo contro la violenza. Spero che vengano scoperti, tramite la videosorveglianza interna del centro, gli autori di questo gesto così deplorevole. Ma va sottolineato che questa città è formata da tante brave persone, che rispettano i luoghi simbolo e le leggi. Purtroppo dobbiamo fare i conti anche con queste situazioni, ogni tanto».

Anche Rifondazione comunista è intervenuta con una denuncia precisa. «Nella nostra città ha detto il capogruppo in consiglio comunale, Yuri Cavalieri c'è un diffuso clima di intolleranza, che si è dimostrato con questo atto vile, che fa il paio con quello subito del centro vaccinale. Non possiamo trattare questi argomenti come semplici atti di vandalismo, ma c'è bisogno di una profonda riflessione e vanno presi provvedimenti seri».

L'associazione Mafalda e le altre è da anni in prima linea, con iniziative per contrastare la violenza sulle donne ed è anche promotrice di eventi culturali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA