Civita Castellana, da New York sulle tracce degli etruschi

Civita Castellana, da New York sulle tracce degli etruschi
di Ugo Baldi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Febbraio 2021, 10:34 - Ultimo aggiornamento: 15:09

Per incoraggiare il comparto turistico-culturale, compromesso dalla pandemia, l'amministrazione comunale di Civita Castellana ha avviato una serie di video conferenze.

Incontri sui temi archeologici relativi all'antica Falerii Veteres, nucleo etrusco che ha originato la città delle ceramiche. L'iniziativa è realizzata in collaborazione con il dipartimento di Scienze dell'antichità della Sapienza Università di Roma, in particolare con l'area di insegnamento di etruscologia e antichità italiche.

«Gli incontri ha spiegato l'assessore comunale alla Cultura, Simonetta Coletta - sono finalizzati allo sviluppo del turismo e alla crescita della visibilità del nostro territorio, a partire dalla valorizzazione delle sue peculiarità storico-artistiche».

L'obiettivo è migliorare e divulgare le caratteristiche distintive di una zona che ha molto da offrire a chi viene a visitarla. Proprio per questa ragione, l'amministrazione civitonica ha deciso di impegnarsi più a fondo di quanto sia stato fatto finora. «Gli incontri saranno online ha detto il sindaco Luca Giampieri attraverso l'accesso ai canali istituzionali del nostro Comune. Il percorso è stato battezzato Alle sei di sera a Falerii passeggiando in una città preromana.

Tutti gli appuntamenti sono stati fissati ogni venerdì alle ore 18 e dureranno per tutto il 2021». Due le tranche degli incontri: febbraio-giugno e poi settembre-dicembre. Si tratta di un progetto ambizioso, che non a caso è stato messo in evidenza anche dalla stampa d'oltreoceano. Ne ha parlato nei giorni scorsi l'Etruscan News - il bollettino della sezione americana dell'Istituto di studi etruschi e italici, ospitato dalla New York University - che ha riportato accenni scientifici descrittivi sul progetto, utilissimi a darne risalto a livello internazionale

© RIPRODUZIONE RISERVATA