Civita Castellana, il Covid non rallenta, anzi. Il sindaco raddoppia i controlli.

Civita Castellana, il Covid non rallenta, anzi. Il sindaco raddoppia i controlli.
di Ugo Baldi
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Gennaio 2021, 12:15 - Ultimo aggiornamento: 22:13

Il Covid aumenta ancora e raddoppiano i controlli.

A Civita Castellana il virus non molla la presa, soprattutto in questi giorni di festa in ncui sono in vigore le restrizioni. Sono saliti a 52 (solo ieri 16 in più) i nuovi positivi nei primi quattro giorni del 2021.

Di conseguenza il numero totale delle persone in quarantena è arrivato di nuovo a 160, anche se oltre una ventina sono quelle che sono uscite dall'incubo del coronavirus, dopo essere state dichiarate negative con l'ultimo tampone. I deceduti sono stati finora 12.Numeri che tutti insieme collocano Civita ai primi posti della provincia, per numero di contagiati totali (che ha superato quota 600). Preoccupati, oltre che i cittadini, anche il sindaco Luca Giampieri, che si è trovato a gestire una situazione tutt'altro che facile dal suo insediamento. Da qualche giorno, con l'arrivo del nuovo comandante della Polizia locale, è stata programmata una stretta sui controlli.Ieri, per cominciare, in un paio di supermercati nel corso di una verifica sono state ristabilite le presenze interne dei clienti, proprio per evitare gli assembramenti e i contatti. «Sono aumentati gli accertamenti ha detto il sindaco anche grazie alla collaborazione con le altre forze dell'ordine. E continueremo a farlo in tutti i settori. Raccomando a tutti di osservare in maniera scrupolosa le disposizioni per evitare i contagi».

Lavora a pieno ritmo il drive-in dell'ospedale Andosilla e ieri, oltre ai tamponi alle persone (una sessantina), sono stati effettuati anche i primi screening volontari sugli studenti degli istituti superiori. Si sono presentati nel pomeriggio (dalle 15 alle 19) 48 ragazzi per sottoporsi al test antigenico rapido (doppio tampone nasale): tutti negativi. La fascia di età è stata ampliata da 13 a 19 anni.

Quanto ai vaccini, oggi sarà la volta dei medici di base e pediatri del distretto. Le vaccinazione saranno eseguite presso i locali dell'ex pronto soccorso dell'Andosilla, rimessi a norma per l'occasione e giù utilizzati per vaccinare il personale dell'ospedale

© RIPRODUZIONE RISERVATA