Civita Castellana, consegnate le benemerenza Avis a 37 donatori

Tra i premiati il vescovo Marco Salvi

Civita Castellana, consegnate le benemerenza Avis a 37 donatori
di Ugo baldi
2 Minuti di Lettura
Domenica 10 Dicembre 2023, 15:39

Festa dell'Avis a Civita Castellana. Si è tenuta nella sala conferenze della Curia la giornata dedicata ai donatori di sangue con la cerimonia di consegna delle benemerenze a 37 di loro.

Tra questi anche il vescovo Marco Salvi che ha ricevuto la tessera della sezione di Civita Castellana. I numeri della sezione civitonica sono confortanti e incoraggianti: ha raggiunto nell'arco di circa 40 anni, 3.033 iscritti e pertanto la città delle ceramiche vanta l'autosufficienza trasfusionale. In pratica in ogni famiglia nella capitale dell'agro falisco c'è un donatore.

All'appuntamento erano presenti il sindaco Luca Giampieri e il presidente provinciale Avis, Luigi Mechelli. Il presidente della locale sezione Saverio Accogli che ha fondato la sezione nel 1985 è stato fermato dall'influenza ed è stato sostituito dal vice Paolo Delle Chiaie e dai componenti del direttivo. «Essere donatori fa bene ad altri, ma anche a se stessi ha detto nel suo intervento il vescovo è un piccolo gesto che riesce a riempire il cuore di gioia, perché si è consapevoli di aiutare qualcuno in difficoltà».

Anche il sindaco Giampieri (donatore anche lui) ha riconosciuto e apprezzato il lavoro portato avanti dell'Avis locale: «Già in altre occasioni ho ringraziato i componenti di questa associazione ha affermato -. È un momento per dare un segno di riconoscimento a chi si impegna, e sappiamo con quale spirito. È un gesto che ha un valore importantissimo.

Anche l'intero consiglio comunale ha deciso di donare il sangue». Il presidente provinciale Mechelli ha ricordato il lavoro della sezione e ringraziato il presidente Accogli e il direttivo e ha concluso dicendo ai donatori: «Siamo grati a tutti perché fate qualcosa per gli altri di grande impegno e anche perché donare agli altri non è assolutamente niente di scontato. I giovani devono capire il valore di questo gesto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA