Ceramica, manovra nella legge di bilancio: sì al bonun idrico. Il Governo stanzia 15 milioni di euro

Ceramica, manovra nella legge di bilancio: sì al bonun idrico. Il Governo stanzia 15 milioni di euro
di Ugo Baldi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Dicembre 2020, 15:40 - Ultimo aggiornamento: 16:54

Il bonus idrico è legge. E’ arrivato un sostegno importante per le aziende del distretto industriale della ceramica di Civita Castellana che producono quasi l’ottanta per cento dell’arredo bagno in Italia e da anni investono sul risparmio idrico.

Risparmio idrico per l'arredo bagno, primo sì alla Camera per finanziare il bonus: 15 milioni di euro

Il senato ha approvato ieri la legge di bilancio del 2021 che, comprende un contributo fino a 1000 euro per le famiglie che, nel prossimo anno, provvederanno alla riqualificazione energetica dei servizi igienici, sostituendo i vecchi rubinetti, vasi sanitari o docce che apportano un maggiore risparmio di acqua. Il Governo ha stanziato un fondo da 15 milioni di euro che erogherà, fino ad esaurimento delle risorse.

Tutto è partito da un emendamento a firma di Mauro Rotelli ( Fdi) e Alessia Rotta (Pd) approvato dalla commissione Ambiente della Camera dei deputati. «La Legge di Bilancio 2021 – ha detto Augusto Ciarrocchi vice presidente di Confindustria Ceramica - prevede il Bonus Idrico ed ha riconosciuto l'acqua come un bene primario da salvaguardare anche attraverso la riqualificazione del nostro patrimonio edilizio. Tale processo di riqualificazione, che andrà sostenuto ben oltre il 2021, può portare ad un risparmio annuo di oltre 400 milioni di mc di acqua potabile, come dimostrato con l'impegno e gli studi della nostra Associazione. Sono ora necessari una tempestiva emanazione dei decreti attuativi e una efficace comunicazione per far conoscere agli italiani questa rilevante opportunità per la ristrutturazione delle sale da bagno, uno degli spazi della casa a cui si presta maggiore attenzione».

Soddisfazione anche in Federlazio. «E’ un riconoscimento per la aziende del nostro distretto – dice Giampiero Patrizi presidente della sezione ceramica - che per anni investito a lavorato per migliorare l’efficienza idrica nei prodotti che escono dalle loro aziende. Sicuramente ci sarà una spinta e apprezzamento dei nostri articoli igienico sanitari anche sul mercato interno. E’ un buon punto di partenza per il 2021 che speriamo sia fautore di una ripresa economica generale, Un ringraziamento ai politici che hanno portato avanti questa iniziativa» 

© RIPRODUZIONE RISERVATA