Ceramica, la collezione di ArtCeram in corsa per il premio German design

Mercoledì 11 Luglio 2018 di Ugo Baldi
La consolle della serie The One in corsa per il premio
In arrivo un nuovo riconoscimento internazionale per un azienda del distretto della ceramica di Civita Castellana. L'ultimo progetto realizzato dalla Artceram di Alberto Brunelli, la collezione The One firmata da Meneghello-Paolelli associati, è stata selezionata per partecipare al German Design award 2019. I premi saranno assegnati solo a progetti che rappresentano contributi pionieristici al panorama del design internazionale.

«Una bella soddisfazione essere tra questi ha detto Brunelli sia per la nostra azienda che per chi ha realizzato il progetto, a conferma di come i prodotti di questo distretto siano di livello mondiale». A giudicare il prodotto sarà una giuria internazionale; si tratta del massimo riconoscimento in Germania che viene assegnato ogni anno, e per ogni settore, da esperti di marchi e design nei settori dell'innovazione, che vanno dal design all'architettura, dall'interfaccia tra macchine e umani fino all'energia, per un totale di circa cinquanta settori di eccellenza.

Fondato su iniziativa del Bundestag tedesco (la Camera bassa del parlamento) nel 1953, il premio sostiene l'industria in tutte le questioni volte a generare un valore aggiunto per il marchio attraverso il design.

Di conseguenza, il German Design è uno dei principali centri di competenza a livello mondiale per la gestione del marchio nel campo del design. La rete di membri fondatori comprende, oltre a designer e associazioni, in particolare proprietari e direttori di marchi internazionali.
La collezione The One è stata ampliata con il concepimento di una consolle, la cui superficie superiore del lavabo diventa, mediante un sottile canale dedicato, base di appoggio; creando una superficie piana adatta ad appoggiare gli oggetti, modificando estetica e funzioni. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Mattia 15 anni e un sogno Diventare arbitro di calcio

di Mimmo Ferretti