Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pasticceria, gli studenti dell'Alberghiero di Caprarola portano i sapori della Tuscia in Sardegna

Il dolce dell'Alberghiero di Caprarola
2 Minuti di Lettura
Martedì 10 Maggio 2022, 11:26

La Tuscia racchiusa in un dolce, con pizzico di Sardegna. Una cartelletta con pasta e farina di nocciola gentile romana di Caprarola, all’interno una stratificazione di bavarese vanigliata, con sopra adagiato un disco di riso cotto con zafferano, una gelificazione di miele di corbezzolo sardo e ancora bavarese vanigliata. Al di sopra dei ciuffi di namelaka di ricotta ovina e arancio, poggiata al centro una stratificazione al mirto e come decorazione un disco di cioccolato bianco plastico e un cerchio di isomalto sorretto da una nocciola.

Con questo dessert gli allievi dell’Alberghiero di Caprarola hanno gareggiato al quarto nazionale di pasticceria alberghieri d’Italia che si è svolto i primi di maggio a Iglesias, in Sardegna. I ragazzi del Viterbese si sono piazzati 12esimi su 60 concorrenti. “Anche se non siamo saliti sul podio – spiega la preside Andreina Ottaviani – è stata comunque una bellissima esperienza e ci siamo fatti onore. Ringrazio la professoressa chef Giulia Scaramuccia che ha accompagnato le ragazze in Sardegna e il professore, anche lui chef, Aniello La Pietra che le ha preparate”.

Il prossimo anno appuntamento a Neive, comune del Cuneese i cui allievi si sono classificati primi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA