Camera, stravince il centrodestra ma dei viterbesi passa solo Rotelli. Battistoni eletto nelle Marche

Camera, stravince il centrodestra ma dei viterbesi passa solo Rotelli. Battistoni eletto nelle Marche
di Federica Lupino
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Settembre 2022, 05:25 - Ultimo aggiornamento: 19:40

Il taglio dei parlamentari non risparmia la Tuscia. Nella scorsa legislatura erano tre i rappresentanti locali: Mauro Rotelli (FdI), Umberto Fusco (Lega) e Francesco Battistoni (Forza Italia). Questa tornata, invece, vedrà sedere sugli scranni di Montecitorio solo Rotelli, mister preferenze. Anche Battistoni ci sarà ma eletto nel collegio di Ascoli Piceno nelle Marche (47,66%, ma dal Senato passa alla Camera). Ancora in forse il destino di Massimo Giampieri (FdI) nel proporzionale.

Copione come da pronostici: anche nel Viterbese l’onda lunga di Giorgia Meloni spazza via la concorrenza. Al collegio della Camera Lazio 2 – U01 Viterbo, Rotelli spariglia tutti con il 52,81% (con FdI al 36,97 mentre Forza Italia al 7.76 batte la Lega al 7.52), seconda Linda Ferretti che, in quota Pd, per il centrosinistra si ferma al 21,30%, Rosita Cicoria del M5S, è terza con il 14.04, quindi Luisa Ciambella per il Terzo Polo è al 6,21%, Stefania Ranieri per ItalExit al 2,31, Nisi Andrea per Italia sovrana e popolare si ferma all’1,76, pari merito con Massimo Ranucci di Unione Popolare.

Passando al capoluogo, il centrodestra ha superato la maggioranza assoluta con 18.469 voti che valgono il 54,18% e Fratelli d’Italia al 40,07%. Dietro il Pd che si ferma al 13,95%, mentre tutto il centrosinistra con 6.868 voti (20,15%) resta comunque davanti al M5S (4.165 voti) al 12,22%. Ancora nel capoluogo della Tuscia, si piazza al quarto posto il Terzo polo che arriva all'8,18%, mentre la Lega per poco scippa la posizione di quinto partito a Forza Italia: 7.63 contro 6,70. Sotto la soglia del 3% gli altri. 

Nell’altro collegio della Camera (Lazio 2 - U02), che comprende 12 comuni del Viterbese (Calcata, Carbognano, Castel Sant'Elia, Civita Castellana, Corchiano, Fabrica di Roma, Faleria, Gallese, Monterosi, Nepi, Vallerano, Vignanello), insieme a Rieti e la provincia nord di Roma, il candidato uninominale Paolo Trancassini del centrodestra è al 50,98%, Alessandra Clementini per il centrosinistra al 23,08%, Roberto Casanica (M5s) al 14,27%, Vincenzo Morelli (Calenda) al 6,15%.

Alcune curiosità sull’affluenza: meglio di tutti fanno Canepina con il 76,97%, quindi Monte Romano (76.6), Lubriano (75.93), Arlena di Castro (75,04) e Barbarano Romano (74,09). Hanno disertato le urne invece soprattutto a Bolsena con il 59,41% di affluenza, quindi Farnese (61,51), Calcata (61,83), Onano (61,89) e Tarquinia (62,3).

Ma come sono andate le elezioni nei comuni che esprimono amministratori di peso? Canepina non ha tradito il consigliere regionale del Pd Enrico Panunzi (candidato in trasferta alla Camera, non ce l’ha fatta): oltre all’affluenza record, qui il centrosinistra con Linda Ferretti al 49,63% ha battuto il centrodestra con Rotelli al 36,43. A Bassano in Teverina, patria del presidente della Provincia Alessandro Romoli (Forza Italia) Rotelli ha ottenuto il 52,33 (Fi il 7,82) e il centrosinistra il 23,43. A Capranica, dove il sindaco è Pietro Nocchi, vicepresidente di Romoli in quota Pd, Rotelli è al 48.08 e Ferretti al 26,16. A Proceno, di cui Battistoni è stato sindaco, il centrodestra è al 49.22 e il centrosinistra al 22.09. Da segnalare anche Montefiascone, Comune amministrato da un’alleanza Pd-M5s. Qui il centrodestra ha sfondato con 59,91, il centrosinistra si è fermato a 17,39 e Rosita Cicoria, che è anche vicesindaco M5S, al 12,67.

© RIPRODUZIONE RISERVATA