Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caro gasolio e materie prime, gli agricoltori viterbesi oggi con i trattori sull'Aurelia

I trattori sull'Aurelia questa mattina
2 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Marzo 2022, 10:44 - Ultimo aggiornamento: 18:55

Quarto giorno di protesta dei coltivatori e degli allevatori del Viterbese. Dopo il presidio a Tarquinia oggi i trattori hanno percorso, rallentando il traffico, parte delle strade provinciali e dell'Aurelia.

Caro gasolio, i trattori sull'Aurelia: «Con questi costi addio raccolti». La protesta si amplia

«Formeremo una colonna con i nostri trattori tra Tarquinia e Montalto - avevano annunciato  - per rallentere il traffico, così come la speculazione e i rincari stanno facendo con le nostre aziende». Sempre oggi alla cooperativa Pantano - base logistica della protesta - gli imprenditori agricoli incontreranno i rappresentanti provinciali di Coldiretti, Cai e Confagricoltura.

«Dalla politica ci aspettiamo sostegno e risposte continua Serafini - dopo che noi, in 30 anni di attività non abbiamo mai vissuto niente del genere». Oltre al prezzo del gasolio agricolo, schizzato ieri oltre 1,55 euro al litro, a metter in ginocchio le imprese sono i rincari di cassette di legno, plastica per l'imballaggio e quello fuori controllo dei fertilizzanti, «alcuni dei quali sono aumentati del 150% mettendo a rischio la semina», hanno spiegato i coltivatori.

«La crisi in Ucraina rischia di essere il colpo di grazia per molte aziende», hanno ribadito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA