Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

A Montalto in migliaia nella notte di Ferragosto, blitz antidroga dei carabinieri

A Montalto in migliaia nella notte di Ferragosto, blitz antidroga dei carabinieri
di Marco Feliziani
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 05:25 - Ultimo aggiornamento: 19:50

C’erano oltre 20mila persone nel lungo weekend di Ferragosto sul litorale di Montalto, condizionato da un allerta meteo che non ha poi turbato più di tanto i programmi dei vacanzieri. La movida ha fatto comunque il suo corso con migliaia di giovani che hanno trascorso la nottata senza riportare gravi conseguenze. Le forze dell’ordine hanno presidiato le principali strade e piazze di accesso alla movida, controllando numerose persone ai posti di blocco messi in atto dal comando provinciale carabinieri di Viterbo.

Dalle ore 22 è iniziata una consistente presenza di pattuglie appartenenti alla Compagnia di Tuscania, anche con servizi specifici a piedi per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti. Sorvegliate speciali le vie di maggiore affluenza di persone e le aree verdi del lido, dove i militari hanno perquisito numerosi giovani di cui alcuni trovati in possesso di hashish e marijuana. In via Tevere, durante i controlli dei carabinieri, una Golf con a bordo due cittadini del Marocco, facendo manovra, ha urtato un’altra autovettura. Alla vista delle divise i due hanno abbandonato l’auto in mezzo alla strada e sono fuggiti a piedi. A quel punto i militari hanno iniziato le ricerche e dopo breve tempo li hanno identificati. Probabilmente la loro fuga era scaturita per cause inerenti la droga, il cui traffico a Montalto in questo periodo è controllato dai marocchini e da alcuni soggetti del posto. Le piazze di spaccio sono perlopiù tra la boscaglia e in quei luoghi isolati lontani da occhi indiscreti.

Nella cittadina in molti conoscono lo sporco giro d’affari e a volte i pusher sono stati visti spacciare lungo le strade, in particolare a ridosso i giorni festivi o nelle ore con meno frequenza di persone. Domenica notte lo spaccio è stato notato anche sul Lungomare Harmine, tra le migliaia di persone che affollavano le strade; a volte per i pusher, tra la confusione, è più facile lo scambio del grammo di coca.

I carabinieri hanno inoltre intensificato i controlli sulle strade di uscita del lido, attraverso l’ausilio dell’etilometro, elevando contravvenzioni alla circolazione stradale. Nella lunga notte l’impegno degli uomini dell’Arma è stato molto intenso riuscendo a sedare risse e litigi tra i giovani, ma anche assistendo alle numerose richieste dei turisti. Durante una rissa, intorno alle tre di notte, un uomo è stato colpito al volto ed è stato necessario l’intervento di un’ambulanza della Misericordia venuta da Santa Marinella; per gli operatori sanitari era il settimo intervento della serata lungo tutto il tratto nord del litorale laziale. I medici del 118 sono anche intervenuti in un locale per soccorrere una persona colpita da un malore per l’eccessiva somministrazione di alcol. Alle quattro di mattina, quando ormai la musica nei locali era spenta, i tanti giovani hanno iniziato a disperdersi lungo le vie e nelle pinete. Al lavoro, fino all’alba, il personale per la raccolta dei rifiuti urbani, sia lungo le strade che sulle spiagge del litorale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA