Israele, torna alla luce la "New York" di 5000 anni fa

EMBED
I resti di un insediamento di cinquemila anni fa - senza eguale nel suo genere nella Regione per le dimensioni e per la complessità della struttura urbana, che ospitava circa 6.000 abitanti - sono stati presentati ad Ein Asur, 60 chilometri a Nord di Tel Aviv. La vasta area archeologica, che è stata battezzata "la New York di questa zona agli inizi dell'era canaanea", è destinata ad essere presto ricoperta, per consentire la costruzione di uno svincolo autostradale.

Droni dell'Autorità dell'archeologia sono stati impegnati a completare le riprese aeree delle decine di ettari, scavate e documentate negli ultimi due anni. «Prima degli scavi, l'esistenza di questo agglomerato urbano non era nota», ha precisato il dott. Yitzhak Paz, che ha condotto le ricerche con la dott. Dina Shalem. «Le sue origini erano peraltro più remote: risalgono a 7.000 anni fa». Gli abitanti del terzo millennio a.C. erano a quanto pare canaanei. Commerciavano anche con l'Egitto e la Mesopotamia. Ma dopo un periodo di grande prosperità furono costretti ad emigrare: pare per il ripetersi di alluvioni.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani