Terni, coltellate al bar per una mascherina: denunciato un 33enne sudamericano

EMBED
Entrato in un bar privo di mascherina, dopo una discussione con la cassiera che lo aveva invitato ad uscire dal locale, ha scambiato un altro cliente per un buttafuori e lo ha accoltellato: la tragedia è stata evitata dall'intervento della moglie. Per questo un sudamericano di 33 anni è stato denunciato, a Terni, dalla squadra volante della polizia. Lesioni personali aggravate e porto illegale di un coltello i reati contestati. La vittima dell'aggressione ha riportato una ferita superficiale.

L'episodio - riferisce una nota della questura - è avvenuto nella tarda serata di domenica. Il trentatreenne, dopo i ripetuti inviti della cassiera ad indossare la mascherina e infine ad uscire, è stato avvicinato dall'altro cliente, ignaro di quanto stesse accadendo. Questi era entrato nel locale dirigendosi come prassi alla cassa per munirsi dello scontrino, ma l'aggressore - secondo la ricostruzione dei fatti da parte della polizia - ha immaginato erroneamente che si trattasse di un buttafuori e dapprima lo ha spintonato, facendolo sbattere contro il muro, poi ha estratto un coltello dalla tasca dei pantaloni e lo ha ferito al collo. L'aggressore, trascinato all'esterno del locale da una donna, si è invece dato alla fuga. La volante, intervenuta immediatamente, ha visionato le immagini registrate dall'impianto di videosorveglianza del bar e uno degli agenti ha riconosciuto il trentatreenne. Il giovane era infatti già stato denunciato nell'estate 2019 quando, per motivi personali, aveva affrontato un uomo colpendolo con una mazza da baseball. È stato infine rintracciato nella sua abitazione con ancora il coltello indosso.

Italia-Svizzera 3-0: il videocommento di Ugo Trani