Tennis & Friends al via, Meneschincheri: «Il successo di questo evento? Le persone che abbiamo salvato»

EMBED
di Marco Pasqua

Se si dovesse sintetizzare con una parola il successo di “Tennis & Friends”, l'evento che ha preso il via, in queste ore, al Foro Italico, quella dovrebbe essere “amore”. L'amore per il proprio corpo, ma anche per lo sport, due elementi imprescindibili di una manifestazione che è stata complessivamente visitata da oltre 250mila persone e durante la quale sono stati effettuati 74mila check up, completamente gratuiti. Un fiore all'occhiello per questa città, alimentato, anno dopo anno, da Giorgio Meneschincheri, anima e ideatore di questa manifestazione, oltre che responsabile medico delle relazioni esterne della Fondazione Policlinico Gemelli.

«Siamo nati 9 anni fa, sotto ad una tenda, con 3 postazioni: adesso, dopo 9 anni, ci ritroviamo con 144 postazioni e 20mila metri quadrati», sottolinea Meneschincheri intervenendo alla WebTv del Messaggero. «Dallo scorso anno abbiamo anche coinvolto i ragazzi delle scuole del Lazio: 3500 hanno preso parte alla nostra prima giornata – ha aggiunto – Con loro abbiamo condiviso temi importanti, dall'alimentazione, al bullismo fino allo sport e abbiamo riscontrato un'attenzione costante verso i medici che li hanno incontrati». Tanti i personaggi noti che, ogni anno, partecipano alla manifestazione, da Maria de Filippi a Fiorello, solo per citarne alcuni: «Con loro si viene a costruire un rapporto speciale, umano. Sanno qual è la nostra causa, leale. Hanno visto crescere il nostro evento e sanno quante persone riusciamo a salvare, ogni anno». E Tennis & Friends potrebbe crescere ancora: «C'è un progetto importante, che ci riguarda: varie regioni ci hanno chiesto di portare questa iniziativa nei loro territori. Sicuramente la porteremo a Milano e, probabilmente, l'anno prossimo aggiungeremo una o due regioni». 

Appuntamento al Foro Italico, quindi, sabato (dalle 10 alle 20) e domenica (dalle 10 alle 18).
 
 



 

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri